Pronto il nuovo Chino Chini. Il sopralluogo di Nardella e dei sindaci mugellani

Attualità
visibility942 - venerdì 08 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Nuovo Chino Chini
Nuovo Chino Chini © N.c.

Oggi il sindaco metropolitano Dario Nardella ha effettuato insieme al sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Omoboni, e ad altri sindaci del Mugello un sopralluogo alla nuova sede del Chino Chini di Borgo, pronta per accogliere i ragazzi. 

Scrive infatti Omoboni:

Era il 2015 quando il Consiglio Metropolitano si riunì a Borgo San Lorenzo, dove facemmo un sopralluogo alle nostre scuole superiori: con Dario Nardella e Giampiero Mongatti, insieme a Massimiliano Pescini, ci prendemmo l'impegno di togliere gli studenti del Chino Chini dai prefabbricati.

Nel 2016 arrivò un primo finanziamento dal Bando Periferie, poi la gara d'appalto: più di 4 milioni di investimento. 

Nel gennaio 2019 l'inizio dei lavori, con Tommaso Triberti che ne ha seguito la fase finale, segnata da diverse criticità legate al covid: il lavoro dei tecnici Cianchi e Bazuzi e del personale della Citta Metropolitana è stato encomiabile. 

Finiti i collaudi e posizionati gli arredi, i ragazzi del Chino Chini avranno finalmente a disposizione 18 nuove aule.
Oggi è una bella giornata.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Lucia Pernici ha scritto il 14 febbraio 2021 alle 17:30 :

    Certamente una buona cosa "togliere gli studenti del Chini dai prefabbricati" anche se ci sono voluti circa 15 anni, chissà se ce ne vorranno altrettanti per rendere il "parcheggio/ingresso" antistante i due istituti, non voglio dire decoroso, ma decente, perché attualmente lo definirei proprio uno SCEMPIO. Provate a fare un giro dopo la pioggia!...forse la polizia municipale che in questi giorni vigila l'ingresso (mai visto un vigile negli ultimi 10 anni ) potrebbe riferire al sindaco e, perché no?, ai signori della città metropolitana sullo stato di questi spazi e magari entrambi potrebbero smettere di rimpallarsi "la faccenda" l'un l'altro e provvedere a questa VERGOGNA. Rispondi a Lucia Pernici