Mostro di Firenze: Il testimone dimenticato

"Vidi un uomo rossiccio seguire la coppia uccisa a Vicchio. Entrò nel mio locale e seguiva Pia e Claudio. Aveva un grosso anello. Era alto, rossiccio e stempiato, di corporatura robusta e vestito elegante."

Paolo Cochi Il Mostro di Firenze al di là di ogni ragionevole dubbio
visibility21000 - OkMugello - venerdì 07 febbraio 2020

Mostro di Firenze - LA ZONA OSCURA - l' identikit del mostro - contenuti EXTRA

teleiride 12.10.2018
Articolo della Nazione relativo a Pia e Claudio
Articolo della Nazione relativo a Pia e Claudio © n.c

Continua il nostro racconto, tra le pieghe di quelle che son state le indagini più’ lunghe e controverse della cronaca nera e giudiziaria italiana. Episodi e fatti non sempre valutati come si sarebbe dovuto. Testimoni non sempre valutati efficacemente e un’indagine in corso che dura ormai da 50 anni.

Oggi incontriamo Baldo Bardazzi, (vedi foto) l’ex gestore del Bar di Borgo San Lorenzo che il 29 luglio del 1984 fu protagonista di un “incontro”, che avrebbe potuto dare una svolta alle farraginose indagini sul cosiddetto “mostro di Firenze”. Bardazzi fu il testimone che vide uno strano soggetto osservare i ragazzi in maniera morbosa all’interno del suo esercizio commerciale, nell’estate del lontano 1984. (vedi foto identikit)

Un uomo dai capelli rossi che fissava la coppia e che faceva strani segni con la bocca. Episodio che accadde il pomeriggio del delitto. Aveva molto probabilmente seguito la coppia dei ragazzi fin dentro il Bar di Bardazzi, ordinò una birra e si alzò repentinamente, non appena la coppia uscì dal locale. L’individuo sui 45–50 anni non parcheggiò l’auto in un punto visibile anche se il parcheggio davanti il Bar era quasi vuoto. L’episodio avvenne il pomeriggio tra le 16–17.

Baldo ed il padre Piero Bardazzi, all’epoca raccontarono tutto ai Carabinieri, verbalizzando minuziosamente l’episodio:
La coppia era già stata a far merenda nel mio locale e aveva una Panda chiara. Li riconobbi dalle foto sui giornali e il giorno dopo andai ai Carabinieri a denunciare il fatto. Ero con mio padre e mia sorella. Facemmo un identikit in caserma. I Carabinieri mi portarono anche ai funerali e al cimitero, per un eventuale riconoscimento.“

Quanto ebbero a dire Piero e Baldo Bardazzi indurrà i Carabinieri non solo a comporre un identikit ma anche a chiedergli espressamente di partecipare al funerale delle vittime con il preciso scopo di riuscire eventualmente a individuare tra la folla degli astanti il soggetto da loro visto, secondo quel precetto investigativo per il quale l’assassino sarebbe tipicamente uso a partecipare alle esequie delle proprie vittime.

Al processo Pacciani non si diede molta rilevanza a questo episodio, anche se altri testimoni videro in quel mese di luglio, un soggetto identico aggirarsi nel Bar dove lavorava Pia Rontini. Tuttavia i Bardazzi non sono gli unici a essersi imbattuti in un soggetto con tali caratteristiche, perché ci sono altre quattro testimonianze che sembrano convergere verso la stessa descrizione e in contesti che non sono poi molto meno sospetti. Ma nessuno degli inquirenti fece nessun “incrocio” di testimonianze. (vedi foto giornale)

L’uomo “rosso” fu visto anche una mattina di luglio, nei pressi del fiume dove furono uccisi i ragazzi e al Bar dove lavorava la povera Pia Rontini.
Dopo l’omicidio, il “rosso” spari’ e nessuno lo vide più.

Lei rivide più quest’uomo?
No. Non vidi più’ questa persona, pur continuando la mia attività’ di gestore del Bar per una decina di anni. Lo dissi anche di recente agli investigatori.

Tra i tanti personaggi entrati nell’inchiesta, anche ultimamente, c’e’ qualcuno che gli somiglia?
Nessuno dei personaggi indagati fino a oggi, ne tanto meno gli ultimi. Tutt’altra fisionomia di persona.

Che tipo di anello aveva?
Aveva un anello grosso, vistoso (vedi foto). Era particolare, con un simbolo. Mi sembra argentato. Se lo vedessi adesso potrei riconoscerlo. A memoria non saprei descriverlo meglio.

Lei pensa possa esser il “mostro” ?
Di sicuro non si puo’ dire. Ma gli atteggiamenti erano veramente strani e le circostanze furono davvero particolari, specialmente se consideriamo anche gli altri testimoni che videro una persona molto simile in altre circostanze.

Alto, robusto, viso tondo capelli corti chiari e rasato, ancora una volta avvistato in circostanze di tempo e luogo sospette:

  1. scena del crimine
  2. al Bar dove lavorava la vittima femminile
  3. visto seguire la coppia.

Personaggio poi sparito nel nulla subito dopo il delitto della “Boschetta”. Una serie di elementi più che suggestivi.
Nei giorni successivi al delitto di Vicchio, il colonnello dei C.C. Sticchi, che si occupava territorialmente delle indagini, fece vari tentativi atti a individuare questa persona con le suddette caratteristiche, purtroppo senza alcun risultato.

Una pista investigativa, questa, molto trascurata dai vecchi inquirenti, che meriterebbe un approfondimento maggiore, anche alla luce delle nuove risultanze d'indagine.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Paul Tergaist ha scritto il 08 febbraio 2020 alle 11:22 :

    Non so se sia puramente indicativa (del resto il testimone dice che lo riconoscerebbe se lo vedesse, ergo non dovrebbe essere questo). In ogni caso, quello raffigurato, pare essere l'anello del guerriero della legione straniera francese. Quella forma e colorazione è comune a tanti tipi di anelli (anelli massonici, anelli con altre raffigurazioni e di diverso significato). Un caso che in quest'articolo sia stato scelto proprio di rappresentare quello? Rispondi a Paul Tergaist

  • Fiorella lenzi ha scritto il 07 febbraio 2020 alle 19:06 :

    "Mostro Di Firenze ? L'unico indizio in questo incredibile vicenda, è la prima e l'ultima dichiarazione rilasciata da stefano mele prima che poi morisse, negli anni ottanta. ora sono passati tanti anni, posso anche dire la verità : si quella sera uccisione barbara locci e antonio lo bianco, ero con salvatore vinci. tutte le ipotesi restanti successe, sono solo ipotesi senza riscontri. dove hanno creato un vespaio mondiale senza capirci nulla : Rispondi a Fiorella lenzi

  • Maniero Ludovico ha scritto il 07 febbraio 2020 alle 15:02 :

    Sig. Cochi non la faccia troppo lunga! Mostri al Bardazzi qualche foto del Vigilanti! Rispondi a Maniero Ludovico

    paolo cochi ha scritto il 09 febbraio 2020 alle 13:06 :

    Acuto lettore , Se legge l'articolo si rendera' conto che il confronto fotografico con Vigilanti è stato gia' fatto dagli inquirenti : DOMANDA "Tra i tanti personaggi entrati nell’inchiesta, anche ultimamente, c’e’ qualcuno che gli somiglia? RISPOSTA : Nessuno dei personaggi indagati fino a oggi, ne tanto meno gli ultimi. Tutt’altra fisionomia di persona." Rispondi a paolo cochi

    Omar Cocetta ha scritto il 25 marzo 2020 alle 08:00 :

    Ciao Paolo sono un tuo lettore. Aspetto la prossima uscita ( a proposito quando potrebbe essere?) del tuo nuovo libro sul mostro. Volevo chiederti chi é questo Vignini che superpuma, riferendosi anche a Bardazzi, ritiene molto somigliante all’ identikit dell’ 84? Ciao grande. Rispondi a Omar Cocetta