OK!Mugello

Marradi: il punto della situazione col Sindaco Tommaso Triberti

Anche a Marradi si contano (ancora) i danni

  • 207
Tommaso Triberti Tommaso Triberti © Fotocronache Germogli
Font +:
Stampa Commenta

Sicuramente questo 2023 verrà ricordato a Marradi e dintorni come un anno orribile, e a ben donde.
Con il paese che ancora soffre le conseguenze della grave alluvione di maggio con la viabilità sia stradale che ferroviaria ancora lontana dal ritorno alla normalità e dopo il recente terremoto è proprio il caso di dirlo che piove sul bagnato.

Si parla poco dei danni subiti anche in Mugello dal passaggio del grande forte temporalesco che sulla sua strada in Toscana ha lasciato nella piana fra Pistoia, Prato e Firenze un triste bilancio di 7 morti e danni quantificati in 500 milioni di euro dal Governatore Giani, ma purtroppo anche nel nostro territorio si contano molti danni.

L'Alto Mugello ancora investito dal fronte temporalesco, specie per quello che riguarda smottamenti e le forti raffiche di vento sui crinali appenninici si misura ancora una volta con la conta dei danni.

Detto del bilancio fatto con il sindaco di Firenzuola (leggi qui) sui danni nel suo territorio abbiamo sentito anche il Sindaco Tommaso Triberti per fare un bilancio dei danno subiti dal territorio di Marradi.

"Abbiamo una famiglia isolata e una strada chiusa a causa di una frana. Stiamo liberando in queste ore un ponte dai detriti accumulati prima di valutarne i danni.
Un'area verde attrezzata è stata danneggiata ed è attualmente chiusa e anche un immobile ad uso pubblico è stato danneggiato.
Queste le criticità maggiori ancora attive al momento. Numerosi anche gli smottamenti sia sulla viabilità che lungo il fiume ma le criticità al momento dovrebbero essere tutte rientrate."


Ricordiamoci che ieri Il vento aveva comportato a causa della caduta di alberature dei problemi sulle strade della Val di Sieve con smottamento di valle sulla strada provinciale 8, sulla quale viene deviato il traffico autostradale da Calenzano a Barberino.



 

Lascia un commento
stai rispondendo a