OK!Mugello

Green Pass una libera scelta? Ne parliamo con Alessandra Ghisla di Libera Coscienza

E' notizia che una moltitudine di persone si stiano interrogando

  • 5
  • 6145
Green Pass una libera scelta? Ne parliamo con Alessandra Ghisla di Libera Coscienza Green Pass una libera scelta? Ne parliamo con Alessandra Ghisla di Libera Coscienza
Font +:
Stampa Commenta

E' notizia che una moltitudine di persone si stiano interrogando riguardo alle disposizioni emanate dal Governo riguardo al Green Pass e Vaccini in generale. E' un dato di fatto che quasi tutta la narrazione mediatica sia allineata e qualsiasi voce fuori dal coro viene tacciata di "No-qualcosa" ed emarginata.

In questo contesto, i social, svolgono un importante lavoro di disintermediazione e possibilità di trovare informazioni altrove censurate o non prese in considerazione. Infatti è sufficiente ricordare la "Primavera Araba per capire quanto possano essere potenti i social network, a patto che ci si impegni a voler approfondire e non fermarsi al primo gruppo o pagina social urlante e impestata di fake-news. 

Riguardo al tema del Green Pass e compressione dei diritti individuali abbiamo voluto intervistare Alessandra Ghisla, abitante nel Comune di Borgo San Lorenzo e fondatrice del Comitato spontaneo "Tutela del Diritto Soggettivo", che su Telegram amministra un gruppo denominato "Libera Coscienza" dedicato all'informazione sull'esercizio del diritto soggettivo a cui sono iscritti oltre 10.000 persone in tutta Italia.

Una intervista da vedere e ascoltare completamente, poiché non si parla di vaccini si, vaccini no, ma semplicemente dell'esercizio dei propri diritti, e forse non tutti sono consapevoli di cosa si stanno perdendo.

 

Lascia un commento
stai rispondendo a

Commenti 5
  • Stefano Ferruggiara

    Salve, come si contatta Alessandra Ghisla per consulenze, supportarla e farsi consigliare?? Nel gruppo Telegram non c è modo di scrivere perché i commenti sono chiusi.

    rispondi a Stefano Ferruggiara
    ven 18 febbraio 07:48
  • Antonella

    Si crea il problema, si dà la soluzione, (che era già pronta da prima e adesso si fa passare come risultato della fatica di encomiabili professionisti che hanno lavorato alacremente per il bene di tutti :-D ) Peccato sia la soluzione definitiva per ripulire il pianeta dalla mediocrità e per la creazione di un mondo migliore.

    rispondi a Antonella
    mar 31 agosto 2021 10:55
  • Leonardo

    Il green pass di per sé non rappresenta niente. Il green pass è la certificazione del vaccino. Vaccinarsi diventa un dovere morale e civile quando si mette a rischio la propria salute e SOPRATTUTTO quella di chi ci sta intorno. Alcuni preferiscono curarsi al prevenire (visto che di parla dell'importanza di informarsi, sappiate che su Internet si trovano cure assurde, fatte con sverminanti per cavalli o farmaci prescritti da dentisti), vorrei solo ricordarvi che giusto in questi giorni sono morte due persone di 50 anni, in Mugello, entrambi dopo mesi trascorsi in rianimazione. Forse chi è contro non ha mai provato cosa sia la terapia intensiva, e vi auguro di non provarla mai (fidatevi, che me ne intendo) vi chiedo per favore non parlate di libera scelta quando si tratta di salute pubblica.

    rispondi a Leonardo
    lun 30 agosto 2021 08:44
  • Patrizia ciabatti

    Vaccinarsi non previene la malattia ne la sua diffusione. Riduce solo, forse, gli effetti più pesanti della malattia. Quindi vaccinarsi è un atto personale, potremmo dire di egoismo, sano e umano. L’ oms, che non è internet, dice chiaramente che una vaccinazione di massa durante una pandemia non dovrebbe essere messa in atto perché il solo risultato che ottiene è quello di creare varianti che non sono gestite dal vaccino. Nella narrazione del mono pensiero paradossalmente chi non si vaccina creerà l’immunità naturale che farà fuori il virus o lo terrà sotto controllo. Per chi si ammalerà ci saranno le cure immediate senza aspettare il crollo delle difese immunitarie e senza usare un farmaco completamente inutile come il paracetamolo.

    rispondi a Patrizia ciabatti
    mar 31 agosto 2021 07:52
  • Saverio Bernazzi

    Vaccinarsi non evita il contagio. Non vedo comunque perché dovremmo fidarci di Lei.

    rispondi a Saverio Bernazzi
    lun 30 agosto 2021 05:14