OK!Mugello

Cristina Becchi: Al capoluogo servono sì - Progetti e idee innovative che vogliono portare la realtà borghigiana verso il futuro

Vogliamo impegnarci in un progetto che possa risolvere i problemi della viabilità dopo 60 anni di occasioni perse

  • 2
  • 225
Cristina Becchi Cristina Becchi © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Borgo Insieme - A Borgo San Lorenzo servono sì. Progetti e idee innovative che vogliono portare la realtà borghigiana verso un futuro sempre più vivibile e attrattivo. Lo vogliamo fare con la Biblioteca a Villa Pecori, moderna, efficiente e accogliente, che possa ospitare davvero tutti e soprattutto... i libri. Il Palazzo del Podestà sarà il fulcro della vita delle associazioni del paese e il nuovo Ufficio turistico sarà là, e dovrà funzionare come punto informativo e per la promozione di Borgo San Lorenzo. Vogliamo un Foro Boario funzionale, utilizzabile in sicurezza e senza disagi 365 giorni all'anno. Vogliamo nuovi parcheggi fuori dall'area del centro storico raggiungibili in 5 minuti a piedi. Vogliamo parcheggi nel centro storico con 15 minuti di sosta gratis e il possibile utilizzo di un'app per regolare le soste più prolungate.

Continueremo nella creazione di eventi per Borgo San Lorenzo: vogliamo il ritorno del Berlingaccio e di 900 in Fiera, ma anche un nuovo Festival della Fantascienza che da Villa Pecori coinvolga tutto il centro attraendo appassionati da tutta Italia. E non solo... Continueremo a confrontarci con le associazioni di categoria dei commercianti per un calendario che incontri le esigenze di tutti.

“Uno dei problemi principali del nostro capoluogo – dice la candidata sindaco del centrosinistra Cristina Becchi – è la viabilità. Negli ultimi 60 anni si sono perse occasioni su occasioni per provare a risolverlo. Noi vogliamo impegnarci davvero in un progetto che possa ovviare alle difficoltà di un traffico che in certe ore del giorno è insostenibile, ponendo le basi per dare un'alternativa all'ingresso da San Piero nel capoluogo. Il problema non sono le tanto discusse ciclabili, ma un flusso di auto insostenibile per qualsiasi realtà cittadina”.  

Questo e molto altro perché serve programmazione e una visione d'insieme. Borgo sta crescendo. Alziamo lo sguardo e guardiamo avanti!

 

Lascia un commento
stai rispondendo a

Commenti 2
  • La Palisse

    L'Idea veramente innovativa sarebbe mandar a casa quelli che hanno DEVASTATO la viabilità borghigiana, con scellerati interventi IDEOLOGICI che mirano a rendere la vita impossibile a tutti, visto che siamo COSTRETTI a usare le auto per l'assenza di servizi decentrati, trasporto pubblico e commercio di vicinato, ma per seguire i diktat stranieri ci fanno i dispetti, togliendo i parcheggi, dimezzando le carreggiate, creando spartitraffico senza senso (pure pericolosi) manifestando una totale assenza di contatto con la realtà della vita dei cittadini. Sono riusciti nella insensata impresa di creare traffico e inquinamento dove non c'erano, danneggiando e mettendo tutti in pericolo e creando problemi dove non 'c'erano, ovviamente adesso dicono di essere la soluzione, quando è evidente che invece sono il Problema.

    rispondi a La Palisse
    mer 19 giugno 10:12
  • ago60

    Ma come non sono le ciclabili ad alimentare il caos cittadino! avete voluto fare una cosa dove non c'era posto per farla, avete ridotto l'unica arteria che attraversa il paese ad un IMBUTO, ogni volta che una macchina che transita sul viale e deve immettersi in una strada laterale crea code perchè non possiamo superarla a causa della carreggiata stretta, lo stesso succede quando uno deve parcheggiare lungo il viale, deve aspettare che esca la macchina parcheggiata e poi fare manovra per entrare e quindi crea code perchè non possiamo superarlo in quanto invaderemo la corsia opposta e lo stesso alle fermate dei pullman si formano code in attesa che i passeggeri scendano e poi salgano e via dicendo.... ma voi non passate mai in macchina dal viale, ma dove vivete! me se attraversare il paese prima ci mettevo 3 minuti e ora ne impiego 10, inquinerò tre volte tanto o mi sbaglio.

    rispondi a ago60
    mar 18 giugno 10:16