Eolico: archiviata dal Giudice la denuncia di AGSM nei confronti di Di Renzone, Ballabio, Barlotti

Nel giugno del 2020 AGSM denuncia per diffamazione Piera Ballabio d'Italia Nostra, Laura Barlotti consigliere comunale della lista civica DicomanocheVerrà e Nicola Di Renzone direttore di OK Mugello.

Società
visibility898 - mercoledì 05 gennaio 2022
di Saverio Zeni
Più informazioni su
Denuncia AGSM
Denuncia AGSM © OK!Mugello

Ecco il contenuto del reato commesso secondo AGSM:

  • Ballabio pubblica un post che riporta la notizia - presente con grande rilevanza su tutti i giornali del Veneto e non solo - relativa all’inchiesta della Procura di Venezia sulla N’drangheta che vede tra gli arrestati l’ex presidente (poi condannato a 2 anni e 8 mesi) e il direttore generale di AMIA, società partecipata al 100% da AGSM.
  • Barlotti successivamente in un altro post attacca la maggioranza consiliare per non aver preso ancora una posizione ufficiale riguardo il progetto dell'eolico, anche in considerazione del fatto che i vertici della società controllata da AGSM si trovano al centro delle indagini relative a infiltrazioni della N’drangheta a Verona.
  • Di Renzone pubblica su OKMugello i commenti di Ballabio e Barlotti.

La Procura fiorentina propone l’archiviazione. AGSM si oppone. Il Giudice per le Indagini Preliminari fissa l’udienza il 21 dicembre u.s.

AGSM deposita a ridosso dell’udienza ulteriore documentazione, tuttavia il Giudice decide di archiviare la denuncia per i seguenti motivi:

  • nessun detrimento della reputazione di AGSM è in qualche modo riconducibile agli accusati, che si sono limitati a riportare la notizia relativa all’inchiesta veneziana senza offendere deliberatamente AGSM e i suoi portavoce;
  • ma quand’anche dalle dichiarazioni delle querelate fosse derivato un qualche detrimento della reputazione di AGSM, prosegue il Giudice, occorrerebbe tenere conto che quelle di Ballabio e Barlotti sono dichiarazioni di partecipanti in prima persona della vita politica delle comunità coinvolte: “appare evidente come la sussistenza del reato debba tenere anche conto della portata della c.d. scriminante "costituzionale" della libertà di manifestazione del pensiero, radicata nell'art. 21 della Costituzione, sub specie del diritto di critica. La giurisprudenza di legittimità è infatti consolidata nel ritenere lecita l'affermazione, anche di natura giornalistica, che -pur diffamatoria- sia giustificata dall'esercizio del diritto costituzionale di libera critica, nel rispetto dei canoni di verità del fatto, di pubblico interesse alla conoscenza dello stesso e di continenza espressiva”;
  • i tre canoni sopraddetti sono stati ampiamente rispettati.

Ballabio e Barlotti hanno brevemente commentato

“L’ordinanza del Giudice è davvero esemplare anche per il riferimento all’art. 21 della Costituzione che di fatto garantisce il nostro diritto di critica a maggior ragione su un intervento così impattante come quello dell’impianto eolico. L’ingiustificata azione giudiziaria promossa da AGSM è caduta nel vuoto. Un ringraziamento particolare va ai nostri avvocati Filippo Muzzolon ed Elisa Ricci”.

Aggiunge Di Renzone

“Una pronuncia importante quella del Giudice Frangini che afferma la bontà del mio operato di giornalista e la legittimità delle dichiarazioni delle coindagate signore Ballotti e Ballabio”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • pietro incagli ha scritto il 06 gennaio 2022 alle 10:43 :

    in questi tempi una sentenza molto importante a tutela della informazione che non si fa intimidire, ottimo, mio Direttore Rispondi a pietro incagli

  • Rodolfo Ridolfi ha scritto il 05 gennaio 2022 alle 21:47 :

    Una buona notizia di buona giustizia anche per la libertà di stampa e di espressione troppo spesso messe in discussione. Piena vicinanza a tre persone responsabili e corrette Rispondi a Rodolfo Ridolfi