Biglietto unico Ataf-bus- treno: Pontassieve è esclusa ed è polemica. Via alle prime risposte.

Martina Stratini

Biglietto unico Ataf-bus- treno: Pontassieve è esclusa ed è polemica. Via alle prime risposte.

Biglietto unico Ataf-bus- treno: Pontassieve è esclusa ed è polemica. Via alle prime risposte.
05/04/2019

E’ in arrivo “Unico metropolitano”, il nuovo titolo di viaggio in fase sperimentale che permetterà con un unico biglietto a prezzo ridotto di muoversi liberamente a partire da giugno 2019 sulle linee autobus-Ataf e treno. Il titolo sarà acquistabile in tutti i punti vendita di Trenitalia S.p.A. dal mese di maggio 2019, con validità dal 1 giugno 2019 con tariffa ordinaria al prezzo di 50 euro al mese oppure con tariffa Isee mensile (valore non superiore a 36.151,98 euro) a 41 euro. Tuttavia, il servizio interesserà esclusivamente i territori dei comuni di Firenze, Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Impruneta, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa e Vaglia. Valdisieve risulterebbe dunque esclusa da tale iniziativa e per questo sui Social sono subito scoppiate le polemiche e le prime risposte da parte delle istituzioni comunali.

Molti gli utenti che dal momento della notizia hanno taggato il Sindaco di Pontassieve Monica Marini esigendo spiegazioni a tale esclusione. La prima risposta arriva telefonicamente a Ok!Mugello ieri pomeriggio (3 Aprile 2019) quando la Marini ha dichiarato di non aver neanche avuto da parte della Città Metropolitana la possibilità di mettersi a tavolo per avviare una discussione in quanto impossibilitata dal fatto che “Unico Metropolitano” coinvolgerebbe esclusivamente quei comuni coperti dalla gestione “Ataf e linea” (di cui Pontassieve non sarebbe soggetto in quanto primo Comune extraurbano). Inoltre, ha dichiarato che si riterrebbe ad oggi pronta a scendere a compromessi con le parti coinvolte con la possibilità di una parziale copertura dei prezzi da parte dello stesso Comune di Pontassieve. Ha infine ricordato che la lotta, che da anni è stata iniziata, per un abbassamento complessiva dei prezzi ed una riduzione del dislivello presente fra paesi appartenenti a medesimi Comuni (come ad esempio il caso di Sieci e Pontassieve) sta andando tuttora oggi avanti con la stessa determinazione; sopratutto a seguito dei recenti dati che segnalano una grande delocalizzazione della popolazione da Firenze verso territori di periferia come Pontassieve. Ha sottolineato inoltre come una delle proposte ad oggi già su tavolo sarebbe la possibilità “Treno metropolitano” ovvero una intensificazione delle corse dei treni al fine di compensare quei tratti, come la linea di Pontassieve, che l’infrastruttura “Tramvia” non sarebbe in grado di raggiungere.

La seconda risposta del Sindaco arriva oggi (4 aprile 2019) con un post di Facebook nel quale la Marini ha dichiarato di aver fatto oggi richiesta al Comune di Firenze e la Regione Toscana per una possibilità di un “Unico Valdisieve” ovvero un biglietto unico equivalente all’ “Unico Metropolitano” anche per i comuni della Valdisieve. Queste le parole rilasciate sui Social:

“Un biglietto Unico anche per la Valdisieve.Sarà un impegno centrale da oggi e per il prossimo mandato. L’abbonamento “Unico Metropolitano” che include al momento il territorio raggiunto dal servizio di trasporto pubblico di ambito urbano (ATAF e Linea) rappresenta infatti un grande vantaggio per i cittadini residenti nei comuni inclusi nel progetto, poiché consentirà loro di usufruire di una importante agevolazione economica alla quale si unisce anche una notevole semplificazione. Lo vogliamo anche per la Valdisieve.
Pontassieve si trova alla confluenza di due valli e rappresenta un nodo strategico del sistema di collegamenti infrastrutturali da e verso la città di Firenze, ha 2 stazioni del treno importanti, una a Sieci e l’altra sul capoluogo, in corrispondenza della quale vogliamo realizzare un parcheggio scambiatore da 500 posti. Su tali stazioni potenzialmente converge un bacino di popolazione di quasi 60.000 abitanti proveniente, oltre che da Pontassieve, dall’intera Valdisieve e da parte del Valdarno.
Non è inoltre accettabile che tra le nostre due stazioni di Sieci e Pontassieve, che distano da Firenze meno di 20 km, ci sia una differenza così importante sul prezzo dei biglietti e su quello degli abbonamenti. Dobbiamo puntare ad una vera integrazione dei nostri territori all’interno dell’area metropolitana fiorentina a partire dal trasporto pubblico, cogliendo anche la sfida di realizzare un vero treno metropolitano.
Sarà un mio impegno affrontare e risolvere queste problematiche e in tal senso mi sono già attivata con la Regione e con la Città Metropolitana per aprire la discussione che coinvolga anche Ferrovie.”

Martina Stratini


Determinata, realista e ambiziosa. Amo il settore del giornalismo per il quale sto studiando all'Università di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze con ramo in "Studi in Comunicazione". Sono redattrice della rivista "Edera: La Cultura Cresce ovunque" mensile cartaceo per ragazzi ideato, realizzato e distribuito nelle edicole da un gruppo di ragazzi fiorentini. Sono anche responsabile stampa della squadra di calcio femminile Vigor CF, con sede a Rignano sull'Arno. Sono appassionata di fotografia ed il mio sogno nel cassetto è quello di lavorare un giorno in radio e/o in televisione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA