Appuntamento a Casetta di Tiara. I giovani mugellani del 1944 rivivono in un libro

Autori i due professori del Giotto Ulivi Serena Cinque e Michele Geroni

Cultura
visibility485 - lunedì 20 aprile 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
La copertina
La copertina © N. C.

Nella primavera del ’44 centinaia di giovani salgono a Casetta di Tiara per arruolarsi nella 36° Brigata partigiana “Garibaldi Bianconcini”.

Appuntamento a Casetta di Tiara” è la storia di due giovani, Adele e Giulio, che su quelle montagne, pur travolti dalla crudeltà della guerra, vivono una intensa, breve e tragica storia d’amore.

Giulio è uno studente universitario imolese che, come tanti suoi coetanei, decide di disertare la chiamata alle armi e salire in montagna per dare il suo contributo alla liberazione dell’Italia.

Adele è una ragazza del luogo, maggiore di quattro figli di una contadina rimasta vedova, che si avvicina alla lotta partigiana per amore della giustizia e per un’attrazione sempre più forte nei confronti di Giulio.

I due protagonisti, frutto della fantasia degli autori, si muovono in luoghi esistenti dell’Appennino tosco-romagnolo e prendono parte a vicende storicamente accadute nell’Alto Mugello, come l’occupazione partigiana di Rifredo, il rastrellamento tedesco di San Pellegrino e l’irruzione nel cinema di Firenzuola.

Sullo sfondo la figura realmente esistita di un prete eroico, don Rodolfo Cinelli, che si adopera per alleviare i disagi dei suoi parrocchiani e dei nuclei partigiani che hanno il Comando nelle vicinanze di Casetta.

La vita del sacerdote, alla sua prima esperienza come parroco, si intreccia con quella dei due giovani protagonisti e diventa il loro punto di riferimento.

Questo “romanzo breve” è particolarmente indicato per gli adolescenti e per gli studenti.

Gli autori, docenti di scuola superiore, si propongono di far conoscere ai giovani d’oggi l’esperienza che molti loro coetanei, poco più di settant’anni fa, hanno vissuto per liberare l’Italia e contribuire a costruire un futuro migliore.

Nell’ottica di renderlo facilmente leggibile, hanno evitato qualsiasi tono retorico, hanno usato un linguaggio semplice e suddiviso la storia in capitoli brevi ed essenziali.

«Ti chiedo di rischiare. Ti chiedo di aiutarmi a ridare voce a quei volti che chiedono solo di essere liberi e che hanno bisogno di compassione! Adele, siamo noi la risposta. Non c’è desiderio più rivoluzionario della libertà».

Romanzo breve di:

  • Serena Cinque
  • Michele Geroni

Editore Polistampa Sarnus. Il libro è disponibile presso le librerie del Mugello, nei punti vendita Coop e sulle principali piattaforme di vendita libri on-line.


Lascia il tuo commento
commenti