OK!Mugello

La denuncia di Rodolfo Ridolfi sulla chiusura dei Rifugi Diacci da parte dell'Unione dei Comuni

Continuano le prese di posizione da parte dei vari gruppi politici sulla decisione della chiusura dei rifugi montani

Abbonati subito
  • 618
Rifugio I Diacci. Rifugio I Diacci. © nc
Font +:
Stampa Commenta

In risposta alla decisione dell'Unione dei Comuni del Mugello di chiudere i rifugi Diacci, Rodolfo Ridolfi esprime profonda preoccupazione e disaccordo. Ridolfi, esponente del centro destra di Marradi, critica aspramente l'Unione dei Comuni, il Presidente Passiatore e l'Assessore Ignesti per questa scelta improvvisa, che considera dannosa per l'iniziativa turistica nell'Alto Mugello e nel Comune di Palazzuolo sul Senio.

Ridolfi evidenzia la mancanza di considerazione da parte delle autorità competenti riguardo all'impatto che la chiusura dei rifugi Diacci avrà sull'economia locale e sulla promozione turistica della regione. Egli osserva che "Passiatore e Ignesti sembra che vivono su Marte, si permettono di sospendere questo apprezzato servizio, qualsiasi sia la motivazione, potevano trovare il modo di prorogare la chiusura a dopo l'estate."

In particolare, Ridolfi sottolinea la mancanza di sensibilità nel non considerare quanti visitatori provenienti soprattutto dalla Romagna usufruivano di questi rifugi e quanto essi contribuissero alla visibilità e alla promozione dei territori circostanti. Le parole di Ridolfi riflettono la voce di coloro che sono preoccupati per il futuro dell'attività turistica locale e pongono l'accento sull'importanza di una gestione oculata e attenta da parte delle istituzioni per garantire lo sviluppo sostenibile dei territori montani.

Lascia un commento
stai rispondendo a