OK!Mugello

Planimetria catastale: cos’è e a cosa serve

per ottenere il documento

  • 73
Planimetria Planimetria © Sven Mieke
Font +:
Stampa Commenta

La planimetria è un disegno tecnico in scala di un’unità immobiliare registrata negli archivi catastali. In quanto tale, consente di visionare la distribuzione e la suddivisione dei locali interni, nonché la loro destinazione d’uso. Il documento è reperibile sia in formato cartaceo che digitale, e può essere richiesto al Catasto dagli aventi diritto tramite un’apposita procedura di ricerca (la visura).

Le informazioni contenute nella planimetria

In linea di massima, una planimetria catastale offre una vista in sezione dall’alto di un immobile, con le relative pertinenze; se si tratta di un’abitazione, il disegno tecnico include anche i riscontri grafici riguardanti cantine, box auto, rampe di scale esterne, vano ascensore, terrazzi e balconi. Il disegno riporta, generalmente, anche l’orientamento della struttura rispetto ai punti cardinali oltre ad una serie di dati prettamente tecnici, ovvero il rapporto di scala (di solito 1:100 o 1:200) e gli identificativi catastali dell’immobile (numero di foglio, particella, subalterno e ufficio territoriale competente). Nel documento sono anche incluse le informazioni inerenti alla collocazione dell’immobile: indirizzo, piano e, se necessario, numero di scala e interno.

Come accennato, la planimetria consente principalmente di desumere la suddivisione interna dell’immobile; in aggiunta, riporta il raggio d’apertura delle porte e individua il posizionamento delle finestre. Il documento, non di rado, è ‘arricchito’ da riferimenti aggiunti a mano dal tecnico che ha realizzato il disegno; in particolare, è possibile che vi sia una qualche indicazione generica sugli immobili o i terreni adiacenti, oppure venga riportata indicativamente l’estensione superficiale di ciascun locale interno.

A cosa serve una planimetria catastale

La planimetria è uno dei documenti indispensabili per formalizzare la compravendita di un immobile; come spiega il portale specializzato www.ivisura.it, dal 1° luglio del 2010, nell’ambito delle procedure per l’acquisto di una casa, è necessario presentare una copia aggiornata della planimetria. Il documento serve ad accertare che l’immobile sia conforme allo stato di diritto; in altre parole, rappresenta lo strumento per verificare che le condizioni reali del fabbricato coincidano con i dati registrato al Catasto. La planimetria, in tal senso, è indispensabile per verificare, ad esempio, che eventuali modifiche strutturali siano state adeguatamente registrate mediante un aggiornamento catastale.

Avere a disposizione il disegno planimetrico può essere utile anche quando si valuta l’acquisto di un immobile; la parte acquirente, a tutela dei propri interessi, può richiedere una planimetria aggiornata per verificare la congruenza tra le condizioni reali dell’unità immobiliare e i riscontri presenti nella planimetria. Non di meno, possono servirsi della planimetria anche architetti e ingegneri per valutare e progettare interventi di ristrutturazione e modifica della distribuzione dei vani interni.

Come ottenere il documento

La planimetria catastale, come spiega il sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, può essere richiesta dai titolari di un diritto reale sull’immobile, oppure da un delegato; in tal caso, questi deve presentare l’apposito modulo di delega per l’accesso alle planimetrie, disponibile in formato PDF su agenziaentrate.gov.it.

La consultazione delle planimetrie presenti all’interno della banca dati informatica del Catasto può essere effettuata in modalità telematica, per mezzo dell’apposito servizio predisposto dall’Agenzia delle Entrate. In alternativa, è possibile rivolgersi a qualsiasi ufficio Ufficio provinciale – Territorio oppure agli sportelli catastali decentrati. La procedura non è disponibile per gli immobili che si trovano nei territori delle Province Autonome di Trento e Bolzano che, spiega l’Agenzia, “amministrano autonomamente le proprie banche dati catastali e immobiliari” utilizzando il Catasto tavolare.

La planimetria catastale può essere richiesta in modalità telematica anche a portali specializzati online come il già citato Ivisura. Il servizio, previo il pagamento dei tributi erariali e delle spese di intermediazione, consente di ricevere la planimetria via mail in formato PDF per gli usi consentiti dalle normative vigenti.