OK!Mugello

Mugello, giovani escursionisti si perdono e vengono recuperati dai Vigili del Fuoco: la bella lettera di ringraziamenti inviata dalla mamma

Beatrice, mamma di uno dei ragazzi che il 10 aprile si erano dispersi sopra le Croci di Calenzano, ha voluto ringraziare i Vigili del Fuoco di Barberino

  • 1
  • 600
Trekking Trekking © Pixabay
Font +:
Stampa Commenta

Una storia a lieto fine grazie al grande e repentino lavoro effettuato dai Vigili del fuoco del nuovo distaccamento di Barberino di Mugello attivo 24 ore su 24 nella caserma istituita presso il casello di Barberino di Mugello del tratta autostradale A1. A raccontarlo in una lettera Beatrice, una cittadina di Barberino di Mugello e mamma di uno dei due giovani escursionisti di cui avevamo dato notizia il 10 aprile (Leggi qui il nostro articolo) recuperati dai Vigili del Fuoco di Barberino di Mugello dopo essersi disorientati a causa del sopraggiungere del crepuscolo e del maltempo.

"Quando ho visto la nuova stazione dei Vigili del Fuoco, mi sono sentita più sicura, ma non avrei immaginato di aver bisogno del loro aiuto e di poter vivere un'esperienza toccante e positiva a seguito di una situazione difficile e per questo vi scrivo. Vorrei ringraziare con profonda riconoscenza il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ed in particolare il personale del turno B di Barberino, che ha aiutato mio figlio in un momento di emergenza la tarda sera del 10 aprile.", scrive Beatrice ad Ok!Mugello. 

Il figlio, assieme ad un'amica, era andato a fare un'escursione a Valibona (sopra le Croci di Calenzano) quando all'improvviso un temporale fortissimo li ha colti di sorpresa e hanno perso l'orientamento nel bosco.  

"Ci hanno chiamato - racconta ancora la mamma nella lettera -  terrorizzati, sotto una pioggia torrenziale, con il cellulare quasi scarico senza sapere dove andare. Ho chiamato così il 112 con apprensione e ho subito ricevuto una grande assistenza telefonica, sia dalla centrale NUE che successivamente dalla sala operativa dei Vigili del fuoco, ma la squadra di Barberino intervenuta rapidamente per aiutarci è andata sopra le aspettative. Il Caposquadra ci ha lasciato il suo numero di telefono rassicurandomi e poi si è diretto con il resto della squadra verso la zona individuata dalla sala operativa di Via La Farina. La Squadra ha percorso un sentiero con una pendenza sfidante per circa 45 minuti di cammino, mentre continuava a piovere a dirotto e hanno raggiunto i due ragazzi che erano spaventati e infreddoliti. La Squadra è così ripartita per il cammino di ritorno  riportandoli sani e salvi da noi genitori, che il aspettavamo sulla strada principale a Landolaccio. "

"La squadra è stata meravigliosa, ha rassicurato i ragazzi, li ha fatti sentire al sicuro e quando sono arrivati da noi genitori sembrava avessero trovato una "seconda famiglia" nella squadra dei Vigili del fuoco. Non dimenticherò mai i sorrisi di quei ragazzi del distaccamento di Barberino del Mugello rivolti a noi e ai ragazzi che si erano persi, per farci stare tranquilli che tutto era andato bene. Questo non è fare solo il proprio lavoro ma è metterci il cuore e capire quanto si può fare la differenza per le persone che si trovano di punto in bianco in difficoltà e questa Squadra l'ha fatto davvero!", commenta poi mamma Beatrice. 

"Adesso, dopo essermi ripresa dallo spavento, posso  - conclude la signora - solo fare i miei più sinceri ringraziamenti per la professionalità e la gentilezza per tutto quello è stato fatto a partire dalla sala operativa prima e alla squadra del turno B di Barberino dopo con il loro Caposquadra nella ricerca e nel recupero dai miei cari durante questa bruttissima esperienza. Grazie grazie grazie! Ho conosciuto persone veramente speciali a cui saremo sempre debitori e che ricorderemo per la grande umanità, che non è affatto scontata o dovuta."

Lascia un commento
stai rispondendo a

Commenti 1
  • Alessandro

    Persone veramente speciali, come dice giustamente chi li ha visti al lavoro! In silenzio, ogni giorno e ogni notte sempre pronti a rischiare, faticare e impegnarsi per chiunque di noi come se fossimo tutti della stessa famiglia. Grazie Pompieri, Grazie davvero.

    rispondi a Alessandro
    ven 26 aprile 22:09