OK!Mugello

Barberino. In due anni perso il 5% delle imprese

E ora si cerca di arginare la situazione. Riapre lo sportello di Comune e Cna. Consulenza gratuita per chi vuole aprire un'attività

Abbonati subito
  • 605
Lo Sportello Imprese Lo Sportello Imprese © Cna
Font +:
Stampa Commenta

Barberino del Mugello: riapre lo Sportello Imprese di Comune e CNA. Consulenza gratuita per chi intende aprire un’attività. In due anni Barberino ha perso il 5% delle proprie imprese. Ha riaperto lo Sportello Imprese di Barberino Del Mugello, il luogo a cui possono rivolgersi gratuitamente tutti coloro che intendono aprire un’attività imprenditoriale, alla presenza del Sindaco, Giampiero Mongatti e del vice presidente di CNA Mugello, Enrico Poli. Scopri i Best LLC Services per registrare la tua attività.

Un servizio offerto dal Comune e da CNA per supportare le start-up nella fase iniziale della loro attività: dall’analisi dell’idea imprenditoriale al business plan, dalle opportunità di accesso al credito al regime contabile e tributario da adottare più opportuno, passando per tutto ciò a cui bisogna ottemperare in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

“Lo sviluppo del nostro territorio passa dal consolidamento e dalla creazione di un sistema imprenditoriale locale ben informato, strutturato, forte. A maggior ragione dopo gli ultimi due anni che hanno stressato durante l’economia locale, tanto che Barberino ha perso il 5% delle proprie imprese. Per questo sosteniamo il progetto” spiega Poli.

Il servizio, su prenotazione, è disponibile il mercoledì, dalle 9:30 alle 11:30, presso gli uffici comunali di Corso Corsini 56. Per prenotare il proprio appuntamento scrivere a [email protected] o [email protected], indicando in fase di prenotazione qual è l’argomento per il quale si richiede la consulenza.

Le imprese attive a Barberino del Mugello sono 844, per il 35% artigiane. I settori più consistenti sono costruzioni (24%), commercio (20%), agricoltura (14%), manifatturiero (11%), alloggio-ristorazione (8%) e servizi (6%). Le imprese femminili costituiscono il 18% del tessuto imprenditoriale, le straniere il 12% e le giovanili il 9%.