Michael Schumacher a Borgo San Lorenzo. Ricordi di qualche anno fa

Altri Sport
visibility3471 - lunedì 04 gennaio 2021
di Aldo Giovannini
Più informazioni su
Micheal Schumacher  davanti all’edicola “Mei” nel viale Flli Kennedy
Micheal Schumacher  davanti all’edicola “Mei” nel viale Flli Kennedy © Aldo Giovannini

Il ricordo su OK!Mugello di Alessandro Morandi sul grande pilota della Ferrari Micheal Schumacher (clicca qui) in occasione del suo 53 compleanno, con la pubblicazione di alcune splendide immagini del pilota al “Mugello” con le sue Ferrari, ci riporta al giovedi del 20 febbraio 2004, quando lo sfortunato campione (è in coma da sette anni, dopo l’incidente sciistico del 29 dicembre 2013 in Svizzera), fu ospite a Borgo San Lorenzo per uno spot pubblicitario di una grande casa editrice tedesca.

Per questo evento fu scelto il grande viale F.lli Kennedy, e la scena ritraeva il campione che leggeva un giornale davanti all’attuale edicola di Giovanni Mei, con accanto un gruppo di persone (le comparse scelte dallo spot), che attendevano un pulmann di linea della Sita (l’autista era l’indimenticabile amico Roberto Potini), per salirvi e partire.

Quando questa notizia si propagò, molti sportivi ed appassionati dell’automobilismo presero posizione nel pratone davanti all’edicola, per osservare  la scena, la quale se ben ricordiamo venne ripetuta più volte, con il caro Potini che fece diverse manovre, per andare e tornare, con il suo pulmann.

Micheal Schumacher, era molto elegante, assorto nel suo compito di attore, e dopo aver terminato il filmato, il pilota si soffermò a parlare con gli sportivi rispondendo alle tante domande che gli venivano poste (“ruzzolo” alias Roberto Piacenti, pollaiolo, gli chiese se gli dava noia il vento quando andava a 200 all’ora…!!), ma con tatto, con gentilezza, da vero gentiluomo, rispose a tutti, come avemmo modo di ascoltare.

Ecco la testimonianza di questo grande campione in quel lontano febbraio del 2004 a Borgo San Lorenzo. L’augurio di tutti gli sportivi è che possa riprendersi per tornare in quel suo mondo dove troverà il figlio Mick, che si sta avviando sulla strada tracciata del suo grande babbo.


 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 07 gennaio 2021 alle 10:38 :

    Signor Paolo nessuno mette in dubbio il grande campione quello che ha fatto e le belle soddisfazioni che ha dato in Ferrari ai tifosi ferraristi. non volevo sminuire il personaggio ma raccontare solo un fatto che mi ha colpito personalmente pure a me dispiace per quello che gli è successo, purtroppo è successo e non è colpa di nessuno. Erano dieci bambini tre minuti del suo prezioso tempo poteva spenderlo e fare felici dieci piccoli Fans Rispondi a Mugelli Giampiero

  • Mugelli Giampiero ha scritto il 05 gennaio 2021 alle 09:39 :

    sono stato un suo fans da sempre, ma ho un brutto ricordo a livello umano di questo grande campione. Successe a Ronta quando effettuò una partita di calcio insieme alla Rontese organizzata dalla rontese stessa. Dieci bambini il più grande circa 12 anni aspettarono ore e la fine della partita per avere un autografo che lui non fece, la delusione per quei bambini fu grande che comparvero le lacrime. Non voglio giudicare, non so perché negò quelle dieci firme a dei bambini. Ma quel gesto per me è stato un brutto gesto mai dimenticato Rispondi a Mugelli Giampiero

    Paolo ha scritto il 05 gennaio 2021 alle 17:37 :

    Pessimo e di cattivo gusto mi sembra riferire un episodio accaduto chissà per quale ragione, dopo un bellissimo racconto e ricordo di una persona che ha segnato la storia dello sport e soprattutto dopo quello che sta passando e la situazione in cui si trova. Avrei evitato... sa quanti ragazzi aspettano i calciatori agli allenamenti e che non riescono ad avere autografi? Mah...nulla di così grave mi pare... Rispondi a Paolo