Forteto. Finalmente chiusa la Fondazione. Le vittime: ‘Ora si chiuda anche l’associazione’

Redazione OK!Mugello

Forteto. Finalmente chiusa la Fondazione. Le vittime: ‘Ora si chiuda anche l’associazione’

Forteto. Finalmente chiusa la Fondazione. Le vittime: ‘Ora si chiuda anche l’associazione’
24/05/2019

Spiega una nota del Consiglio Regionale della Toscana: Fondazione Forteto, c’è il decreto di estinzione; on. Mugnai e Marchetti (FI): «Sipario calato su questo segmento del castello degli orrori». «E’ realtà l’estinzione dell’organismo con cui si veicolavano i precetti della comunità-setta. Istanza di scioglimento avanzata dal commissario Marzetti».

«Forteto, arriva il decreto regionale che fa scendere il sipario sulla Fondazione. Il parere con cui la Conferenza dei Servizi aveva espresso, esattamente due mesi fa, il suo assenso all’avvio della procedura di estinzione d’ufficio si è tradotto nel decreto dirigenziale della Regione Toscana numero 7904 adottato il 21 maggio scorso»: ne danno notizia l’onorevole Stefano Mugnai (Vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera nonché Coordinatore regionale di Forza Italia, oltre che Presidente della prima Commissione regionale d’inchiesta all’epoca del suo mandato nell’Assemblea legislativa toscana) e il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

«In questo modo – proseguono Mugnai e Marchetti – e mentre si attende l’insediamento della Commissione parlamentare bicamerale d’inchiesta, va avanti lo smantellamento di quel castello di orrori che è stato per decenni Il Forteto, con la chiusura di una delle sue tre teste: quella della Fondazione attraverso cui si veicolavano i precetti della comunità-setta. Il commissario governativo della società agricola Il Forteto Jacopo Marzetti dimostra di operare con efficacia, già che sua era l’istanza di scioglimento della Fondazione che adesso è definitivamente estinta».

Il via libera all’operazione era giunto nel corso della seduta del 12 marzo scorso della Conferenza dei servizi, di cui al Regolamento regionale in materia di persone giuridiche private n. 31/R del 24 aprile 2001. In quella sede l’organismo si era espresso “con parere positivo all’avvio della procedura di estinzione d’ufficio della Fondazione Il Forteto, ai sensi dell’articolo 27 del codice civile per impossibilità sopravvenuta di conseguire lo scopo, alla luce delle risultanze processuali e delle sentenze emesse nei confronti di fondatori e amministratori della Fondazione”, si leggeva nella comunicazione indirizzata nella circostanza dal governatore Enrico Rossi proprio al commissario Marzetti.

Sullo stesso argomento l’associazione delle vittime rilancia chiedendo che sia chiusa anche l’associazione:

ESTINZIONE DELLA FONDAZIONE “IL FORTETO ONLUS” DEL 21 MAGGIO

In data 22 giugno del 2016 il Consiglio Regionale della Toscana approvava all’unanimità la relazione conclusiva della commissione d’inchiesta finalizzata alla “Individuazione e analisi delle responsabilità politiche ed istituzionali relativamente alla vicenda il Forteto”.

In detta relazione veniva certificato come il Forteto fosse “uno ma anche trino, nella sua entità giuridica tripode di cooperativa, fondazione, associazione. Tripartizione alla bisogna, il sistema-Forteto si è nel tempo inventato una codificazione di sé camaleontica e multispecie: un Forteto capace di replicare se stesso in maniera ogni volta diversa quanto basta, restando in fin dei conti sempre uguale. Sempre lui: Il Forteto. Stesso impianto, stessa filosofia, stessi sottesi, stesse persone, stessi abusi”

La Fondazione Il Forteto Onlus inizia la sua fulgida attività nel 1998 con pubblicazioni, concorsi, seminari su EDUCAZIONE/FORMAZIONE rivolti a genitori e ragazzi; nel 2000 ottiene il riconoscimento come persona giuridica da parte della Regione Toscana e nel 2004 viene iscritta nel registro del VOLONTARIATO della Provincia di Firenze.

Tra i numerosi convegni sponsorizzati in pompa magna da tutte le istituzioni toscane e da un comitato scientifico con illustri personalità, non possiamo non ricordare il convegno del 23 ottobre 1998 su uno dei temi cardine della filosofia del Forteto “La FAMIGLIA: problematiche dell’AFFIDO e RELAZIONI INTRAFAMILIARI” tenutosi presso l’Auditorium del Consiglio Regionale della Toscana, nel salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio e presso l’Aula Magna dell’Università di Firenze.

Indimenticabile anche il convegno del 29 aprile 2009, svoltosi nel salone dei 500 in Palazzo Vecchio, “Il libro dimenticato dalla scuola. Confronto e relazioni nell’EDUCAZIONE, un progetto del Forteto”, impreziosito dagli autorevoli interventi di Luigi Goffredi, Rodolfo Fiesoli, Daniela Lastri, Ugo Caffaz e delle senatrici Anna Serafini e Vittoria Franco.

Dopo circa 20 anni dall’inizio della sua attività apprendiamo con soddisfazione, meglio tardi che mai, che la Regione Toscana ha decretato in data 21 maggio u.s. l’estinzione della Fondazione il Forteto Onlus recependo dopo 3 anni quanto statuito nel giugno del 2016 dalla commissione regionale d’inchiesta.

Auspichiamo che le istituzioni preposte intervengano, seppure con colpevole ed ingiustificato ritardo, per verificare i bilanci della fondazione oltre ad intraprendere le opportune azioni per destinarne il patrimonio alle vittime del Forteto.

In tal senso non possiamo non ricordare come il Tribunale di Firenze nel recente processo contro i sodali della setta abbia purtroppo respinto la richiesta di chiamata della Fondazione il Forteto Onlus come responsabile civile

Attendiamo inoltre, FORSE SAREBBE GIUNTA L’ORA, che venga sciolta l’Associazione il Forteto e che il Consiglio Regionale della Toscana dia piena attuazione alla risoluzione del 27 luglio 2016 approvata all’unanimità dove, tra l’altro, ci si impegnava ad intraprendere azioni per il risarcimento delle vittime che ancora aspettano fiduciose.

ASSOCIAZIONE VITTIME DEL FORTETO

Articoli Correlati

Redazione OK!Mugello


Redazione OK!Mugello

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA