Mostro di Firenze: le nuove perizie genetiche potrebbero riaprire il caso?

Parla la genetista Marina Baldi sul DNA trovato sulle lettere dell’ultima inchiesta sul “mostro di Firenze”

Paolo Cochi Il Mostro di Firenze al di là di ogni ragionevole dubbio
visibility1803 - OkMugello - giovedì 25 novembre 2021
identikit mostro di firenze
identikit mostro di firenze © OK!Mugello

Come gia’ precedentemente scritto nella nostra rubrica dedicata al Mostro di Firenze, potrebbe essere chiesta la riapertura delle indagini su alcuni elementi rinvenuti dai legali di parte civile. A questo proposito abbiamo intervistato la dott.ssa Marina Baldi che ha esaminato la perizia genetica disposta recentemente del Magistrato al perito Ugo Ricci.

Un Dna di saliva rinvenuto sulle tre buste di minaccia ai magistrati, portate presumibilmente a mano nell’ottobre del 1985 presso la Procura, e forse un Identikit già presente negli archivi sovrapponibile alla persona notata all’epoca dei fatti prima del delitto di Vicchio. Alto robusto, viso tondo e con i capelli castano rossicci, notato da un testimone nei pressi della piazzola degli Scopeti il 6 settembre 1985. Il Dna isolato e già confrontato con i “vecchi” sospettati, potrebbe esser utile per nuove indagini, visto che tre degli otto duplici omicidi, sono rimasti senza colpevole.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Fiorella lenzi ha scritto il 25 novembre 2021 alle 16:58 :

    : secondo voi uno come il serial killer di Firenze, calcolatore, lucido, riflessivo, astuto, tattico-tecnico, mai preso purtroppo grazia a ciò, mette la sua saliva sulle buste ? : Rispondi a Fiorella lenzi

    E G ha scritto il 30 novembre 2021 alle 18:37 :

    Cara Fiorella... La tecnica PCR che permette l'amplifica del dna ed è la base delle analisi genetiche forensi è stata inventata nel 1983. Prima e almeno nei 10 anni successivi, si poteva leccare qualsiasi cosa senza che si risalisse al proprietario della bava. Il mostro di Firenze o chi ha leccato le suddette buste sarà stato pure astuto ma non indovino. Rispondi a E G