Volevano snellire il traffico? La posizione dei 5 Stelle sulla fermata contestata a Borgo

I Cinque Stelle: 'E poi fanno delle fermate così!?'

Politica
visibility951 - domenica 11 aprile 2021
di Redazione
Più informazioni su
La fermata contestata
La fermata contestata © N.c.

La posizione dei Cinque Stelle sulle nuove fermate autobus a Borgo San Lorenzo:

 Avevamo chiesto un piano del traffico partecipato e trasparente per ascoltare le proposte dei cittadini, e non siamo stati presi in considerazione dalla maggioranza. Avevamo espresso i nostri dubbi e le nostre p erplessità in commissione sulle piste ciclabili e sulle piattaforme per le fermate degli autobus, e sono andati avanti come se fosse tutto perfetto.

Poi c’è stato questo cambio dell’ultimo minuto che ha prodotto il risultato che tutti hanno potuto vedere, valutare e criticare. Aggiungiamo che giusto 2 anni si fa erano conclusi i lavori per l’ovonda che avrebbero “migliorato la viabilità di Borgo”, salvo poi restringere la carreggiata a poco più di un chilometro di distanza, vicino all’incrocio del semaforo.

Quando come M5S insistiamo sui processi partecipativi in questi casi, non lo facciamo per vizio, ma perché pensiamo che sia un modo per prevenire alcune scelte sbagliate, sprechi di soldi dei cittadini, o per trovare soluzioni migliori per ciò che vogliono i borghigiani.

Avvisiamo la cittadinanza infine che è stata depositata un’interrogazione a proposito di queste fermate degli autobus, per sapere se ciò che è stato realizzato è a norma o meno. Attendiamo con interesse la risposta della giunta, oltre che dei tecnici. Rispetto al voler criticare sempre e comunque, la priorità per tutti i borghigiani è preoccuparsi dei problemi e dei beni comuni.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Augusto Vitartali ha scritto il 11 aprile 2021 alle 14:54 :

    Forse è sfuggito che la piattaforma di sosta che ostruisce una corsia a ridosso del semaforo è stata realizzata completamente sulla sede stradale era sufficiente creare un rientro sul marciapiede ed occupare una parte del marciapiede prospiciente la pensilina o ridurre la larghezza della pedana che con il marciapiede sarebbe senz’altro sufficiente. Augusto Vitartali Rispondi a Augusto Vitartali