Canile 'devastato' a Pulicciano. Botta e risposta sulle autorizzazioni mancanti

Intanto proseguono le ricerche di Arci, il cane che era a pensione e che manca all'appello

Cronaca
visibility1144 - sabato 17 ottobre 2020
di Redazione
Più informazioni su
Carabinieri e Carabinieri Forestali. Foto di repertorio
Carabinieri e Carabinieri Forestali. Foto di repertorio © N.c.

Novità sulla vicenda del canile di Pulicciano (Borgo San Lorenzo) che secondo denuncia la titolare a fine settembre fu devastato dai vandali. Secondo quanto trapela dalle autorità, pare infatti che la struttura mancasse delle necessarie autorizzazioni per ospitare gli animali. Non solo, tra agosto e settembre dal Comune di Borgo San Lorenzo erano state emesse ordinanze per la demolizione dei fabbricati: un atto ad agosto, integrato poi a settembre, nei quali si chiede la ‘demolizione e rimessa in pristino’ dei manufatti.

La titolare (Anna Barbiero) afferma di essersi più volte rivolta in Municipio per chiedere quali fossero le pratiche da sbrigare (senza però ricevere, dice, risposte). Mentre dal comune fanno sapere che sarebbero stati organizzati tre incontri per dare le informazioni. Insomma, una vicenda veramente intricata, che sarà la Magistratura probabilmente a sbrogliare.

Intanto proseguono le ricerche di Arci, l’unico cane che si trovava a pensione, oltre ai randagi, e le indagini sull’atto vandalico denunciato dalla titolare alla fine di settembre, nel quale furono liberati i cani.



Lascia il tuo commento
commenti