Il mugellano Paolo Caramalli promosso Tenente Colonnello dei Carabinieri Forestali

Attualmente è responsabile del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Prato

Cronaca
visibility2400 - giovedì 17 settembre 2020
di Aldo Giovannini
Più informazioni su
Paolo Caramalli durante il censimento degli alberi monumentali
Paolo Caramalli durante il censimento degli alberi monumentali © n.c.

Il nostro concittadino e caro amico Paolo Caramalli è stato promosso al grado di Tenente Colonnello dei Carabinieri Forestali. Marito di Roberta e padre di Sofia, Diletta e Marco, di stirpe monghidorese ma nato a Firenze 47 anni fa, è cresciuto in Romagna, a Ravenna, anche se si considera mugellano a tutti gli effetti: suo progenitore era infatti il celebre “Baffino”, titolare della drogheria Sarti in via Mazzini. Seguendo una pluridecennale vocazione familiare, nel 2003 Caramalli è entrato nel Corpo Forestale dello Stato, dove prima il nonno Vittorio era stato validissimo Maresciallo Comandante di Stazione anche in Mugello e poi il babbo Cesare aveva raggiunto la qualifica di Dirigente Superiore (il corrispettivo di “Generale”), girovagando per mezza Italia, ed altri parenti avevano prestato servizio, purtroppo anche a costo della propria vita.

A causa della contestata legge Madia del 2016, con cui è stato sancito l'assorbimento del Corpo Forestale dello Stato nell'Arma dei Carabinieri, dal 1 gennaio 2017 Caramalli è dovuto transitare nelle Fiamme d'Argento, dove ha raggiunto il grado di Tenente Colonnello. Molte le sedi in cui il nostro concittadino si è messo al servizio della cosa pubblica. Dopo il corso di formazione a Cittaducale (RI) e la prima sede di Vallombrosa, Caramalli ha lavorato a Firenze, Roma, Punta Marina (RA), ancora a Firenze e infine a Prato dove attualmente è responsabile del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale; riveste inoltre il ruolo di Presidente del Comitato di Base di Rappresentanza per i Carabinieri dei ruoli Forestali del Centro Italia.

Molti gli incarichi svolti negli anni sia di carattere tecnico (pianificazione, progettazione e direzione lavori edili, di verde urbano e selvicolturali), amministrativo (stampa e comunicazione, gestione economico-finanziaria, logistica) e operativo (CITES, polizia giudiziaria, incendi boschivi e protezione civile) spesso gratificati da note di apprezzamento morale di vario genere. Consulente Tecnico del Tribunale di Firenze per oltre dieci anni, Caramalli può sfoggiare anche un bel background accademico iniziato con la laurea quinquennale summa cum laude in Scienze Forestali, durante la quale ha anche vinto una borsa di studio Erasmus/Silva della C.E. per frequentare un periodo di studi ad Aberdeen, in Scozia. Ha poi conseguito il Corso di perfezionamento post-laurea in “Previsione e prevenzione dei rischi geologici e geoambientali” presso la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. dell’Università di Firenze, il “Dottorato di Ricerca in Economia, Pianificazione Forestale e Scienze del Legno” presso la Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze e il Master di II^ livello in “Scienze della Sicurezza ambientale” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Sapienza di Roma.

Relatore in vari convegni ed autore di oltre 30 pubblicazioni scientifiche (tra cui alcuni volumi), dal 2019 Caramalli è docente di “Elementi di Comunicazione Ambientale” presso la Scuola di Agraria dell’Università di Firenze. Dal 2001 è anche giornalista pubblicista: ha scritto infatti con gran piacere anche sui media locali del nostro Mugello. Recentemente, inoltre, ha collaborato col sanpierino Ezio Alessio Gensini e con Leonardo Santoli di Pelago alla redazione del volume “Flowers”.

Impegnato da sempre nell’associazionismo, è socio dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali e del Lions Club Mugello - di cui anni fa è stato anche presidente - grazie al quale ha potuto promuovere progetti educativi in materia di tutela ambientale, screening sanitario e prevenzione antitumorale.

Dalla colonne di OK!Mugello, unitamente ai tanti amici borghigiani e mugellani, i nostri più sinceri complimenti.

Lascia il tuo commento
commenti