Pontassieve, 70 pendolari lasciati a piedi. Il racconto di Giannelli: "A Novembre non pago"

Cronaca
visibility1374 - venerdì 18 ottobre 2019
di Martina Stratini
Più informazioni su
Treno Borgo
Treno Borgo © i.i.

Ennesimo guasto al passaggio a livello di Rufina ed ennesimi conseguenti disagi alla circolazione ferroviaria. Questa volta però circa 70/80 passeggeri del treno per Borgo San Lorenzo programmato in partenza da Firenze Santa Maria Novella per le 16.55 si sono ritrovati sprovvisti di mezzo a Pontassieve.

A raccontare ad Ok!Mugello l'odissea uno dei passeggeri del treno coinvolto, il consigliere comunale di Dicomano Giampaolo Giannelli:

"Dopo i disagi di questi ultimi mesi mi sono purtroppo da abbonato ritrovato coinvolto in un ennesimo spiacevole episodio. A Santa Maria Novella hanno annunciato che il treno delle 16.55 per Borgo avrebbe subito 35 minuti di ritardo per un guasto al passaggio a livello di Rufina. Ma meglio di niente quindi sono comunque corso al binario 18. Arrivati a Pontassieve ci hanno però fatti scendere dal treno senza annunciare alcuna motivazione e senza alcuna informazione da parte degli addetti in stazione. Siamo stati diversi minuti ad attendere senza sapere cosa stesse succedendo e solo dopo hanno annunciato la cancellazione del treno. Beffa ulteriore la mancanza di organizzazione di un bus sostitutivo Trenitalia diretto a Borgo e così noi tutti passeggeri ci siamo visti costretti a chiamare amici o parenti per trovare un passaggio."

Da Maggio 2019 ci siamo in effetti trovati a dovervi informare con cadenza giornaliera su ritardi e/o cancellazioni effettuati in particolar modo sulla Linea di Borgo giustificati da Trenitalia con svariate motivazioni. L'episodio di oggi è solo uno dei tanti nei quali ci siamo imbattuti questi mesi ma senza dubbio con una sempre più presente stanchezza da parte dei pendolari, primi sfortunati protagonisti dei nostri racconti.

Proprio la stanchezza dovuta alla ripetitiva mancanza di adeguato servizio è quella che ha portato Giannelli a dichiarare ad Ok!Mugello che nel mese di Novembre non pagherà l'abbonamento come suo personale segno di protesta:

"No, a Novembre mi rifiuterò di fare come abitualmente faccio l'abbonamento pur continuando a prendere ogni giorno il treno. Avevo già annunciato che avrei effettuato un grosso segno di protesta e quindi porterò avanti la mia idea. Se mi faranno una sanzione? La porterò personalmente all'assessore Ceccarelli che mi ha sempre affermato che 'va tutto bene'. I problemi possono esistere ma quello che fa cadere dalla parte del torto è, come ho potuto confermare oggi, la totale mancanza di gestione degli stessi problemi"

I problemi sulla linea, dato il prolungamento del guasto al passaggio a livelli, si sono protratti con conseguenti disagi anche per i treni successivi in entrambe le direzioni di marcia sulla Linea di Borgo.






Lascia il tuo commento
commenti