Covid. Il punto a Borgo: negli ultimi giorni due decessi. I positivi sono 136, 5 i ricoverati

Il punto sulla situazione Covid a Borgo San Lorenzo con il sindaco Paolo Omoboni

Cronaca
visibility2833 - giovedì 08 aprile 2021
di Redazione
Più informazioni su
Borgo
Borgo © Pagina Facebook Paolo Omoboni

Aggiornamento sulla situazione Covid, settimana sicuramente non semplice: abbiamo avuto infatti due decessi a causa del Covid (un abbraccio alle famiglie) e ad oggi abbiamo 136 nostri concittadini positivi, di cui 5 ricoverati, e 192 in quarantena (98 positivi e 191 quarantene nove giorni fa).

Per quanto riguarda i vaccini, dati aggiornati al 5 aprile, per i residenti a Borgo San Lorenzo sono state effettuate 2712 prime dosi e 1318 richiami (erano 2236 prime dosi e 1149 richiami al 29 marzo)

Scuole: ad oggi abbiamo nel nostro Comprensivo 23 studenti positivi (7 secondaria, 14 alla primaria, 2 infanzia), 1 positivo del personale scolastico. Nel nostro comprensivo da domani è garantita la didattica in presenza, fino alle classi prime della secondaria di primo grado.

Ricordo ancora una volta che nella farmacia comunale Farmapiana e nelle farmacie Monti e Roselli, gli studenti e i loro familiari e il personale scolastico, possono prenotare un tampone covid gratuitamente: http://www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it/.../campagna...

La prossima settimana, come Unione dei Comuni, incontriamo le associazioni di categoria dei settori commercio e artigianato, un nuovo confronto come ce ne sono stati tanti in questi mesi 

C'è molta stanchezza per questa situazione. E lo capisco: non è facile per nessuno gestire e fare i conti con una pandemia dove ogni settimana cambia la situazione. 13 mesi fa abbiamo iniziato con i DPCM,  ordinanze, i controlli, Usca, distribuzione mascherine casa per casa, buoni spesa, tamponi per studenti, aiuti agli affitti, attività chiuse in grande difficoltà.

Qualunque provvedimento che si prende, lo si fa per cercare di non peggiorare la situazione sanitaria e non solo. Se chiudiamo un parco non è contro qualcuno, anche perché nelle aree verdi e parchi ci sono persone di tutte le età, ma per tutelare tutti e dare un segnale di attenzione. Poi c'è chi dice che non serve a niente e chi che andava fatto prima. Le decisioni sono prese sulla base dei dati sanitari con gli strumenti che abbiamo e che pensiamo utili.

Accetto i consigli le critiche, ci mancherebbe (ovviamente non i commenti offensivi, io non vengo ad offendere le vostre pagine e profili e mi pare il minimo il rispetto reciproco) ma cerchiamo di capire che nessuno ha la bacchetta magica e che, anche se è più facile sfogarsi per  trovare uno o più colpevoli, se ne esce solo insieme.

Lascia il tuo commento
commenti