Anziana multata mentre passa dal parco con la spesa. Il carteggio tra la figlia ed il sindaco

La versione integrale del carteggio e botta e risposta tra il sindaco Omoboni e la figlia della donna. Con nuovi particolari su quanto accaduto

Attualità
visibility4973 - venerdì 24 aprile 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Il tragitto
Il tragitto © N.c.

La lettera inviata dalla figlia al sindaco Paolo Omoboni: Stamattina (l'altro giorno ndr) mia madre di 72 anni ha preso la multa perché ha transitato per il parco della Misericordia di Borgo San Lorenzo. Giusto, è vietato passare dal parco. Sul verbale c'è scritto che i vigili l'avevano richiamata, peccato che lei abbia sentito chiamare, si è voltata, ma non li abbia visti e abbia pensato che avessero chiamato qualcun'altro. La mascherina, per chi porta gli occhiali, limita la visibilità, appannandoli oppure storcendo gli occhiali stessi. D'altra parte i vigili in auto, non sono scesi.
Dei vigili urbani hanno adempiuto alla legge in modo ligio e pedissequo, ineccepibile.
Solo che mia madre vive da sola e stamattina con il carrello trolley era andata a fare la spesa (fatta una volta a settimana) per sé e per altri due anziani che vivono nello stesso condominio. Mia madre non guida, quindi fa tutto a piedi. Per accorciare la strada ha transitato per la stradina che dal parco dei cani, costeggia il parco. E' vero, il parco è chiuso per evitare assembramenti e troppe persone che ci vanno a passeggiare. Lei ci ha transitato con la mascherina e il trolley pieno di spesa. Ha visto altre persone in bicicletta che hanno tagliato per il parco.
E' stata multata dai vigili sulla SP 551 angolo via Curiel, non l’hanno redarguita dicendole di non accorciare più la strada di casa dal parco, ma le hanno fatto il verbale di 280€ (equivalente a 1/3 della sua pensione).
Possiamo fare tutte le considerazioni del caso, che la fortuna è cieca ma che la sfortuna ci vede bene, che il potere è forte sempre con i più deboli… Cito invece la considerazione di mia figlia “peccato nonna non sai andare in bici, se fossi stata in bici non te l’avrebbero fatta perché gli fa fatica correre”.
La sfortuna: dopo aver fatto la spesa, oggi purtroppo mia madre ha pensato di passare dalla stradina che da Viale Giovanni XXIII costeggia il parco e sbocca alla Farmacia Monti, per evitare Via Marconi che è mancante per la maggior parte di marciapiede.
L'eccesso di zelo: i vigili le hanno fatto la multa non all'interno del Parco, ma sulla traversa del Mugello, nei pressi del semaforo angolo via Curiel, come da mappa che allego. In pratica l'hanno inseguita in auto come il peggiore dei delinquenti, passando (mi immagino) da via Gobetti.
Mia madre ha firmato il verbale perché era imbarazzata e si sentiva umiliata di essere stata multata. Per evitare ulteriori sguardi dei passanti non è stata a discutere o a leggere più di tanto il verbale, dichiarando un solo "non mi sembra giusto". Anche questo è approfittarsi di una signora anziana.
Il verbale racconta una mezza verità, sì era a piedi, sì è passata dal parco.
Non dice che era con la spesa e che ha transitato dalla stradina che entra nel parco, costeggiando il parco.
Cosa ancora più grave e non rilevata sul verbale, non dice che la multa è stata effettuata sul marciapiede della strada provinciale 551 traversa del Mugello, angolo via Curiel.
Caro Sindaco, sinceramente multe di questo genere, con questa modalità, sembra servano unicamente a rimpinguare le casse comunali. Mi auguro di no.
Grazie per l’attenzione
Laura Calzolai

La risposta del sindaco Paolo Omoboni
Carissima Laura, letta la sua mail ho cercato le informazioni rispetto all'avvenuto, che mi ha segnalato. Indipendentemente da dove è stato contestato il verbale, l'accertamento è scaturito dal fatto che sua madre ha attraversato il parco, per il quale, come previsto dal DPCM 10 aprile 2020, è vietato accesso. Gli agenti della polizia Municipale, che sono sono ogni giorno sul territorio comunale per i controlli, hanno fatto il loro lavoro, non avendo discrezionalità nel fare i verbali, indipendentemente dall'età o dalle caratteristiche soggettive di chi “trasgredisce” (salvo incorrere in omissioni di atti ' ufficio.
Sua madre non è certo la prima persona che viene sanzionata anche all'interno del Parco, parco chiuso con transenne e e nastro adesivo bianco-rosso. Capisco le reazione psicologica di sua madre, ma abbiamo il compito di far rispettare le regole esistenti. Nessuna prevaricazione, nessuno forte con i deboli, ma rispetto delle regole, che hanno lo scopo di tutelare tutti, sopratutto i più deboli.
Se in questi giorni difficili i cittadini hanno apprezzato lavoro della Polizia Municipale ed hanno visto le strade ed i parchi completamente vuoti, è grazie ai nostri controlli fatti, a protezione della salute di tutti.
Per quanto riguarda il verbale, mi sono informato ma lei lo sarà di già, è suo diritto, fare ricorso al Prefetto di Firenze e riportare tutte le osservazioni che ritiene.
Per quanto riguarda sua madre, sono disponibile a parlarle, se ritiene sia utile. Le lascio, oltre a questa mail, il numero per organizzare la chiamata se lo ritiene utile: (numero di telefono cancellato dalla scrivente)
Paolo Omoboni
Sindaco del Comune di Borgo San Lorenzo

La replica della figlia (Laura Calzolai) al sindaco:
La ringrazio per la risposta, ma francamente potevano scendere dalla macchina e fermare la mia mamma che stava per imboccare il parco invece che accanirsi per farle la multa in altra sede. Probabilmente il fatto che lei si sia voltata e, purtroppo, non vedendoli perché con gli occhiali appannati per via della mascherina abbia continuato la strada, temo che sia stato preso come un affronto personale. Altrimenti non si spiega tutto questo zelo per fare rispettare delle regole anche oltre la flagranza di reato.
Senza contare i modi con cui è stata verbalizzata la multa ha scompensato il suo equilibrio. E' stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso "emotivo" di una persona che vive da sola, non guida, non vede la figlia e le nipoti da due mesi. Le persone anziane e sole non hanno bisogno anche di questo.
Ritengo che mia madre non abbia necessità del Suo sostegno psicologico, credo che come Sindaco abbia altre funzioni, ad esempio farmi un permesso per andare a trovare mia madre visto che si è scompensata dopo l'accaduto.
Le comunico che le lettere inviate le girerò alla stampa in quanto ritengo che possano essere documenti di condivisione e confronto sociale riguardo alle MODALITA' DI APPLICAZIONE DELLE NORME.
Cordiali saluti
Laura Calzolai



Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Diego ha scritto il 20 maggio 2020 alle 14:47 :

    Disgustoso, e purtroppo proprio oggi i cari signori in divisa hanno fatto recapitare a mio padre 85enne la notifica dello stesso tipo di verbale che però sul posto avevano detto che NON avrebbero redatto, asserendo fosse solo una "ammonizione". Una persona di 85 anni (con i relativi acciacchi di salute) che torna a piedi con la spesa, che passa dal vialetto attraverso un parco per accorciare la strada verso casa, viene fermata, redarguita e poi meschinamente multata " di nascosto" per un importo di un terzo della propria pensione! Pensione con cui vivono in due! Caro sindaco a mio parere, questo non è "proteggere" questo è "far cassa" . Chi sarebbe stato danneggiato? Chi sarebbe stato in pericolo? Dove era l'assembramento da evitare? Erano stata segnalata correttamente la zona da evitare? Rispondi a Diego

  • Nicola ha scritto il 27 aprile 2020 alle 22:02 :

    Basterà aspettare che un vigile non faccia una multa o esiti a farla ad un conoscente, e vedremo se i vigili non hanno discrezionalità a fare sanzioni Rispondi a Nicola

  • nonnoBeppe ha scritto il 26 aprile 2020 alle 11:36 :

    Niente da eccepire. I due vigili hanno agito secondo la legge. Hanno applicato il DPCR. Comunque avrebbero fatto più bella figura se invece di tirare fuori il blocchetto delle multe aiutavano la signora a portare le borse. Vigili multanti. Avete famiglia? Con quale spirito guardate i vostri genitori, parenti anziani o i vostri figli? Buona domenica. Vi auguro sogni sereni Rispondi a nonnoBeppe

  • me medesimo ha scritto il 25 aprile 2020 alle 12:02 :

    Perché non andate a fare le multe anche ai vu cumprà che vendono ai bagni del parco o a quelli che ci spacciano dentro quando tutto sarà finito??? Forse di loro avete paura. Rispondi a me medesimo

  • Gabriele ha scritto il 24 aprile 2020 alle 15:49 :

    Le forze dell'ordine semprono particolarmente attente nel far rispettare le leggi...lo avessero fatto anche in passato!!! Rispondi a Gabriele