Toscana. Le proposte del Consiglio dei Cittadini per la salute

Attualità
visibility951 - giovedì 23 maggio 2019
di Eleonora Cortopassi
Più informazioni su
Toscana. Le proposte del Consiglio dei Cittadini per la salute
Toscana. Le proposte del Consiglio dei Cittadini per la salute © n.c.

Il Mugellano Giuseppe Notaro, già presidente di Federcosumatori Mugello ci invia la seguente nota del Consiglio dei cittadini per la salute:

Il Consiglio dei Cittadini per la salute è l’organismo regionale basato sul nuovo sistema di partecipazione, composto dai rappresentanti provenienti dai comitati di partecipazione territoriali e aziendali; tale Consiglio si è espresso in materia di salute attraverso 14 integrazioni ed emendamenti al Nuovo Piano Socio-Sanitario integrale Regionale 2018-2020.

Le proposte, nate da una lettura attenta e di merito, rappresentano un contributo volto a rafforzare il ruolo fondamentale dei cittadini nel sistema sanitario regionale, che la Regione deve sostenere. Gli emendamenti riguardano temi importanti e settori di intervento di particolare interesse e sensibilità: la rete pediatrica, la salute mentale e la psicopatologia in particolare nell’adolescenza e nei giovani adulti, una promozione ed effettiva applicazione della legge nazionale in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento, una campagna di promozione sulla procreazione medicalmente assistita.

Più in generale, sono state discusse le difficoltà relative a un reale rafforzamento del ruolo della medicina territoriale nella riorganizzazione del sistema: il ruolo dei Medici di medicina generale, case della salute, cure intermedie. È stata sottolineata una maggiore attenzione alle politiche della prevenzione, l’importanza della cartella e del fascicolo sanitario elettronico e più in generale di un rapido superamento del ritardo e delle difficoltà che ancora oggi registra il sistema informativo regionale. Questo consentirebbe una reale e quanto mai essenziale interazione fra i vari soggetti del sistema sanitario e sociale, e renderebbe omogenee le potenzialità e le opportunità tecnologiche in tutto il territorio regionale.

 

Lascia il tuo commento
commenti