OK!Mugello

80° Anniversario dell'Eccidio dell'aprile 1944 a Castagno d'Andrea - San Godenzo

Oppure Gino Balli, contadino che abitava nella zona di Serignana che uscì per il forte rumore e rimase colpito da una granata...

  • 124
La Chiesa di S. Martino a Castagno d'Andrea La Chiesa di S. Martino a Castagno d'Andrea © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

In quel giorno, gli abitanti furono fatti uscire a forza dalle loro case. Castagno contava circa 800 abitanti. Le truppe nazifasciste provenienti da Pontassieve erano dirette verso il Monte Falterona, covo, come tutto l’Appennino, di partigiani fuggiaschi. L’arrivo delle truppe germaniche in paese fu a suon di bombe e mitragliatrici, per portare tutti i civili negli edifici dirimpetto all’attuale Circolino Arci, ai tempi sede della scuola. Lì, furono smistati tra uomini e donne. Furono interrogati. Chi non riuscì ad uscire subito o tentò di scappare trovò la morte. Fu così che fu uccisa una famiglia intera, quella di Baldoni Fidalma, Francesco, e Giuseppina che insieme a Caterina Ringressi  cercarono di scappare dalle Prata dove si trovava la loro casa prendendo un viottolo in direzione Casale.

Oppure Gino Balli, contadino che abitava nella zona di Serignana che uscì per il forte rumore e rimase colpito da una granata. Ancora più crudele fu la morte di Elisa Innocenti, giovane che si affacciò alla finestra, nel centro del paese e rimase colpita da uno sparo di un tedesco.

Alessandro Romualdi invece, fu troppo lento nell’aprire la porta di casa al richiamo degli urli dei militari, perché anziano e malmesso con le gambe. Fu per questo ucciso. Un eccidio efferato che verrà ricordato


Sabato 13 e domenica 14 aprile a Il Castagno d'Andrea

Programma:

Sabato 13 aprile
Ore 15: ritrovo in Via delle Prata, bivio per Le Croci, luogo di un eccidio. A seguire: momenti di ricordo delle sanguinose giornate del 13 e 14 aprile 1944.

Domenica 14 aprile
Ore 11.00: Ritrovo Gonfaloni, Autorità e Associazioni davanti alla Chiesa di San Martino a Il Castagno d'Andrea;
Ore 11.30: Santa Messa in Memoria delle nostre sette vittime;
Ore 12.15: Momento commemorativo davanti alla Campana della Pace.

Interventi di:
Cleto Zanetti - Presidente A.N.C.;
Emanuele Piani - Sindaco di San Godenzo;
Nicola Povoleri - Presidente dell'Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve.
Al termine, deposizione corone.

Con la partecipazione di:
Gruppo Bandistico "G. Verdi" di San Godenzo

La cittadinanza è invitata

Lascia un commento
stai rispondendo a