Grande Giorgia Calandrini che interpreta le donne che attendono nella “Sala 18'

Al Corsini

Spettacolo
visibility203 - martedì 13 luglio 2021
di Massimiliano Miniati
Più informazioni su
Lo spettacolo
Lo spettacolo © Massimiliano Miniati

Se è vero che " tutte abbiamo sbagliato vita prima o poi ", basta un solo personaggio per farci da specchio. 

Questa la premessa dello spettacolo andato in scena in anteprima nazionale al Corsini di Barberino con una strepitosa Giorgia Calandrini  che ha regalato al pubblico che aveva riempito il teatro, una prova d'attrice veramente eccezionale.

“SALA 18” è la sala d'attesa di uno studio psichiatrico che sembra frequentato solo da pazienti donne, e la Calandrine le interpreta tutte.

Una dopo l'altra ne racconta le nevrosi trasformandosi di volta in volta nella disperata di turno.

C'è quella che si innamora del suo terapeuta e si mette a scrivergli focose lettere d'amore. C'è quella perfetta, con la vita perfetta e la famiglia perfetta, così perfetta che ogni mattina pensa di suicidarsi. c'è l'adolescente tossicodipendente, e c'è la pensionata che si appassiona all'analisi perché non è mai troppo tardi per conoscere le proprie perversioni, o farne quadretti per la cucina.

E poi c'è un' insolita donna delle pulizie  (ma sarà poi veramente la donna delle pulizie?) che queste donne ce le racconta finendo per confondersi con loro... Ma chi è Anna? E che ci fa davvero nella Sala 18?

Tante storie di donne che iniziano restando però senza conclusione tra le quali, a parer mio sarebbe bello inserirne una veramente divertente, ma la prova di recitazione di Giorgia Calandrini, che già avevamo applaudito in "L'Ammerica" e ne "Il malato immaginario" di Rombi che ha aperto la stagione, è perfetta ed attraversa quasi tutta la gamma dei registri recitativi trascinando il pubblico entusiasta in un mondo fatto di nevrosi, di dolore, di speranza e di buchi neri che in puro stile Lewis Carrol  si inghiottono le bambine.

Grandi, anzi grandissimi applausi per la giovanissima attrice che in un paio di stagioni è diventata la punta di diamante di Catalyst , che, con questo spettacolo ha dimostrato a tutti di poter interpretare veramente qualsiasi cosa.

lo spettacolo prodotto dalla compagnia O.C.R.A officina creativa resistenze artistiche, è nato da una residenza artistica presso il Teatro Comunale Corsini di Barberino del Mugello e debutterà in prima nazionale il 9 luglio ore 21.00 presso il Teatro Corsini all'interno del Festival estivo "La Rinascita Inizia Dalla Bellezza 2.0" , organizzato dalla Compagnia Catalyst di Firenze, all'interno della rassegna Nuova Drammaturgia che si interessa alle nuove proposte nella scena del teatro contemporaneo.

Sala18 Testo di Chiara Canestrini Adattamento e Regia di Roxana Iftime Con Giorgia Calandrini Musiche originali di Martino lega e Michele Mazzocchi Audio e luci Martino Lega Scene Paolo Lauri Costumi Beatriche Filaroni Fotografia Monia Pavoni

 

Lascia il tuo commento
commenti