Una colomba per la pace scolpita su un libro

Si chiama Bookfolding l'arte di restituire nuova vita ai libri. Dalle vecchie pagine un messaggio di pace...

Società
visibility287 - lunedì 25 aprile 2022
di Saverio Zeni
Più informazioni su
Una colomba per la pace
Una colomba per la pace © okmugello

A volte si scopre la propria vena "artistica" anche per caso, ed è quello che è successo a Gabriella Tagliaferri, di Firenzuola, che si definisce "Scultrice di libri", ovvero dà nuova vita ai libri destinati al macero "scolpendo" in essi delle figure. Quest'arte si chiama BookFolding, è nata in oriente come l'origami e il kirigami, e una volta arrivata in occidente ha subìto contagiato molte persone che vi si sono dedicate.

Gabriella mi contatta per email ed esordisce con una frase che attira la mia attenzione:

"Mi chiamo Gabriella Tagliaferri, abito a Firenzuola e sono figlia di scalpellini. Mio padre, mio nonno ed il mio bisnonno scolpivano la pietra, io scolpisco libri portando avanti una passione di famiglia."

Per poi proseguire:

Ho scoperto casualmente il BookFolding qualche anno fa tramite un sito intenet. Mi sono immersa nello studio e da autodidatta ho imparato le tecniche per poter realizzare libri/scultura soddisfacendo così la mia passione "maniacale" per la carta. Il BookFolding è una tecnica nata in Giappone (non avevamo dubbi in merito) secoli fa che si è riaffermata negli anni Sessanta negli Usa. In Italia è approdato da qualche anno e sta prendendo piede nell'ambiente creativo. Si tratta di una lavorazione paziente di taglio e piegatura delle pagine di un libro. Utilizzo vecchi libri destinati al macero che la Biblioteca di Firenzuola (tramite Daniela Paolini), gentilmente mi dona così posso dare loro una nuova vita trasformandoli in complementi di arredo.

Incuriosito da questo tipo di scultura, decido di contattare Gabriella (erano i primi di Marzo) per avere maggiori informazioni, e vengo a scoprire che non solo dà nuova vita a libri che andrebbero distrutti, ma riesce a esprimere le sue capacità espressive in tantissime declinazioni. Vista la contemporaneità dei tragici fatti della guerra, nel momento in cui ci sentiamo al telefono, propongo a Gabriella di dedicarsi alla realizzazione di una scultura molto simbolica: la colomba della pace, decidendo poi insieme di regalarla alla Misericordia di Firenzuola per un fine solidale.

Ebbene, a metà Aprile la Colomba della Pace di Gabriella è pronta, pertanto procediamo come da programma. Venerdì 22 aprile incontriamo il Governatore della Misericordia Claudio Corbatti che ci accoglie presso la loro sede per ricevere l'opera che sarà utilizzata per una raccolta fondi a favore della popolazione Ucraina. Noi ve ne daremo conto.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti