Officina Vicchio denuncia: ‘5 euro per l’iscrizione ai servizi online. Tentativo di fare cassa’

Politica
visibility573 - giovedì 19 maggio 2022
di Redazione
Più informazioni su
Soldi
Soldi © martaposemuckel da Pixabay

Denuncia la lista Officina Vicchio 19:

Ieri è stata recapitata, alle famiglie interessate ai servizi di mensa scolastica, trasporto, pre scuola e custodia, un'informativa del Comune che avvisa che non sarà più possibile il rinnovo automatico dei servizi, e che per avanzare le nuove domande è richiesta un'iscrizione di 5€ (che sale a 10€ dopo i termini di scadenza).

Le famiglie vicchiesi si sono appena dovute districare tra le nuove tariffe della mensa scolastica e la presentazione dell'ISEE, che ha comportato per molte di esse un aumento (calcoli alla mano). 

Restiamo basiti per l'ennesimo tentativo di fare cassa sulle spalle dei cittadini e delle famiglie. Per noi gli aumenti delle tariffe in settori fondamentali come quello scolastico, sono inammissibili perché, al contrario della considerazione che questa amministrazione riserva  a certi settori,  l'istruzione dovrebbe beneficiare delle più ampie agevolazioni!

Perché pagare 5€ euro per un'iscrizione online, verosimilmente scelta per semplificare le operazioni, snellire le pratiche burocratiche ed abbatterne i costi?

Il sospetto che si stia cercando di fare "cassa" in tutte le maniere possibili coi propri cittadini comincia a serpeggiare insistente fra coloro che ci contattano...

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Lacoonte ha scritto il 19 maggio 2022 alle 09:31 :

    TIMEO DANAOS ET DONA FERENTES dagli abbonamenti all'autobus fino alle mense la moda del pizzo digitale si diffonde: prima hanno tolto gli sportelli al pubblico sostituendoli (badate bene non affiancandoli) con il fai-da-te digitale, ovvero fai-te-il-loro-lavoro così che risparmiano chiudendo uffici e diminuendo i posti di lavoro, poi una volta che ci hanno in pugno col ricatto digitale chiedono pure il pizzo.. non avendo alternative dobbiamo pagare, In un paese civile simili pratiche vessatorie porterebbero chi le applica davanti ad un giudice in poche ore, da noi invece fanno pure carriera. La digitalizzazione si mostra per quello che è : un cavallo di Troia, ovvero controllo e sfruttamento mascherati da moderne comodità e pubblicizzati come un vantaggi, in realtà sono trappole. Rispondi a Lacoonte