Ribery dopo il furto in casa: "Prenderemo le decisioni necessarie al nostro benessere"

Commisso: "Tutti noi siamo vicini a Franck e alla sua bellissima famiglia"

Cronaca
visibility1524 - lunedì 06 luglio 2020
di Alessia Benelli
Più informazioni su
La casa di Ribery a soqquadro
La casa di Ribery a soqquadro © Storie Instagram Franck Ribery

Ieri sera dei ladri sono entrati nella casa di Bagno a Ripoli dell'attaccante della Fiorentina Franck Ribery. A scoprire l'intrusione è stato lo stesso calciatore al rientro dalla trasferta a Parma.

Subito dopo Ribery ha voluto denunciare quanto accaduto filmando nelle storie del suo profilo Instagram la casa a soqquadro. Il francese ha poi pubblicato (sempre su Instagram) un commento in cui spiega come si sente.

"Al ritorno dalla vittoria contro il Parma, sono rientrato a casa mia. La mia casa in Italia, Paese nel quale ho deciso di proseguire la mia carriera dopo tanti anni a Monaco. Ecco quello che ho trovato… Dunque, mia moglie ha perso qualche borsetta, qualche gioiello, ma grazie al Cielo niente di essenziale. Quello che mi scuote è l’impressione di essere nudo, di avere i pantaloni abbassati, e questo, non lo accetto! Mia moglie e i miei figli sono al sicuro a Monaco, ma come faccio ad essere sereno oggi? Come possiamo sentirci bene qui? Non corro dietro i milioni, grazie a Dio non mi manca niente, in compenso corro sempre dietro a un pallone, perché è la mia passione. Ma, passione o meno, la mia famiglia passa avanti a tutto, e noi prenderemo le decisioni che saranno necessarie al nostro benessere", ha scritto Ribery.

L'attaccante ha voluto sottolineare che tale episodio non gli era mai successo in altri Paesi e quel 'prenderemo le decisioni necessarie" ha lasciato spiazzati molti.

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Fiorentina Rocco Commisso che ha detto: "Sono molto dispiaciuto e colpito da quanto è successo questa notte a Franck Ribèry. Tutti noi siamo molto vicini a Franck e alla sua bellissima famiglia. Sono situazioni che oltre ai danni economici, rappresentano veri e propri traumi per chi li subisce, in quanto ti vengono a mancare beni personali e affettivi che nulla potrà sostituire, ma soprattutto ti viene a mancare la serenità che ognuno di noi deve avere quando lascia a casa la propria famiglia, la moglie, i bambini. Faremo il possibile per fare tornare a Franck la tranquillità necessaria e affronteremo insieme a lui questo bruttissimo momento. Sono sicuro che anche i fiorentini saranno al fianco di Franck facendogli sentire il loro grande affetto e il loro amore per il nostro grande campione".

Lascia il tuo commento
commenti