Bilancino. Aggiornamenti sulla morte di Rachele Messina. Disposta l'autopsia

La donna secondo quanto si apprende era una nuotatrice esperta, ed avrebbe oltrepassato le boe

Cronaca
visibility4798 - mercoledì 15 settembre 2021
di Redazione
Più informazioni su
Pompieri a Bilancino. Foto di repertorio
Pompieri a Bilancino. Foto di repertorio © n.c.

Grazie ad un servizio del Corriere Fiorentino emergono nuovi interessanti elementi in merito alla morte della povera Rachele Messina, la trentunenne annegata nei giorni scorsi (nel pomeriggio di sabato) nelle acque del lago di Bilancino.

Si apprende ad esempio che sulla sua morte è stata una aperta una inchiesta, atto dovuto per permettere lo svolgimento dell'autopsia sui poveri resti.

Rachele laureata in infermieristica era la figlia di un noto medico di famiglia Emanuele Messina. Come sappiamo Rachele era andata al lago con una amica. Il bagno nei pressi dello stabilimento balneare, il pranzo al sacco e poi Rachele stavolta sembra da sola aveva deciso di immergersi di nuovo. 

Sembra secondo quanto ricostruito dal corriere che Rachele fosse una nuotatrice provetta, e che durante il suo bagno si fosse allontanata oltre le boe che delimitano le acque balneabile. L'amica che era rimasta sulla spiaggia l'avrebbe persa di vista poi, non vedendola rientrare, avrebbe allertato i soccorsi. Le ricerche si sono sviluppate anche con elicottero e con droni. Fino a che il corpo non è stato trovato vicino a una riva, in una zona con l'acqua torbida.

Sarà forse l'autopsia a dirci qualcosa di più. 

 

Lascia il tuo commento
commenti