La paura del dentista e le conseguenze sulla salute orale

In Vetrina
visibility269 - mercoledì 24 gennaio 2018
di Redazione OK!Mugello
La paura del dentista e le conseguenze sulla salute orale
La paura del dentista e le conseguenze sulla salute orale © n.c.

Un aspetto a volte sottovalutato, ma che può influire in modo molto negativo sulla salute orale, è la paura del dentista. Non ci riferiamo al semplice timore di affrontare una visita, comune a molte persone, ma alla molto più insidiosa odontofobia. Esistono ovviamente vari livelli di ansia, che si manifestano in modi differenti: dalla forte agitazione durante i trattamenti, alle frequenti disdette degli appuntamenti nel tentativo di rimandare il momento tanto temuto. Esistono anche pazienti affetti da una particolare sensibilità del cavo orale, che non riescono a portare a termine le cure perché il contatto della bocca con la strumentazione del dentista gli provoca il vomito.

Più diffusa di quanto si creda, l’odontofobia è difficile da affrontare sia per il paziente sia per l’operatore sanitario, che a volte non trova la chiave per gestirla.

Il paziente infatti non sempre è esplicito riguardo al proprio malessere, lo maschera cercando di ridurre al minimo indispensabile le visite odontoiatriche, oppure ne è sopraffatto ed evita la poltrona del dentista anche quando lo stato della sua bocca peggiora in modo evidente.

Spesso è l’intervento del partner o di un familiare a spingerlo verso la soluzione del problema ed è importante che nella prima fase trovi comprensione, disponibilità e, soprattutto, soluzioni mediche che possano aiutarlo ad affrontare le cure necessarie. D’altro canto, chi soffre di questo problema deve superare l’imbarazzo e impegnarsi a spiegare in modo chiaro i propri timori al dentista per metterlo in condizione di proporre la soluzione adeguata.

Qualunque sia il livello di ansia che ci si trova ad affrontare, è opportuno ricordare che esistono diverse forme di sedazione utili per affrontare senza stress ogni genere di intervento. Quando l’anestesia locale non basta si può ricorrere all'anestesia generale, che produce una temporanea perdita di coscienza consentendo al dentista di completare tutte le fasi dell'intervento, anche il più lungo e complesso. Viene praticata sotto la supervisione di un medico anestesista, che mantiene sotto controllo i parametri biologici e provvede alla rianimazione al termine della seduta.

Si può inoltre ricorrere alla sedazione cosciente, una particolare tecnica sedativa che assicura la necessaria serenità ai pazienti che soffrono di particolari fobie. La sedazione cosciente lascia il paziente sveglio e in grado di controllare autonomamente ogni movimento; il livello di sedazione può essere modulato da minimo a profondo attraverso la somministrazione di farmaci che riducono sia l'ansia sia la risposta agli stimoli di salivazione e vomito indotti dal contatto con gli strumenti.

Lasciare spazio alla paura del dentista peggiora la qualità della vita in ogni campo, personale e professionale. Significa rinunciare alla prevenzione per ritrovarsi con problemi ben più gravi di una carie, come racconta il protagonista del video, che, a causa della sua fobia, ha trascurato i denti fino a perderli. Oggi, dopo un intervento di implantologia eseguito in sedazione cosciente, riesce di nuovo a relazionarsi con le persone senza imbarazzo e grazie alla riabilitazione del mascellare può mangiare senza problemi. In fin dei conti, fare il primo passo verso la salute orale è stato più semplice di quanto pensasse.

Per maggiori informazioni, potete contattare Iris Compagnia Odontoiatrica tramite il numero verde gratuito 800 19 84 19, oppure prenotare una visita direttamente online.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • cristina ha scritto il 05 ottobre 2018 alle 17:49 :

    Anche io devo mettere un impianto dentale dal dott. Fabio Cozzolino e ho veramente tanta paura. So che sar sotto anestesia e che non sentir dolore, ma non riesco a gestire l'ansia all'idea dell'intervento. Ci sono delle tecniche o dei rimedi che posso prendere? Grazie Rispondi a cristina