Max Mugelli torna nel Ferrari Challenge

Venti anni dopo quel fantastico podio alle Finali Mondiali, in cui giunse terzo e venne premiato da Schumacher, Montezemolo e Todt

Auto e Moto
visibility235 - mercoledì 11 maggio 2022
di Redazione
Più informazioni su
Max con il suo bolide
Max con il suo bolide © N. C.

Venti anni dopo quel fantastico podio alle Finali Mondiali, in cui giunse terzo e venne premiato da Schumacher, Montezemolo e Todt, per Max Mugelli è giunto il momento di tornare al volante di una Ferrari nel prestigioso Ferrari Challenge Europe, nella categoria regina Trofeo Pirelli dedicata ai piloti PRO.

Il pilota nato a pochi passi dal Mugello torna dunque ad essere protagonista di uno dei campionati monomarca più celebri al mondo. Max sarà al volante della Ferrari 488 Challenge EVO, una vettura dotata di un motore turbo V8 capace di erogare 670 cavalli. Una vettura non solamente bella da vedere, ma altrettanto affascinante da guidare.

Il programma 2022 per Max prevede per lo meno la partecipazione a quattro gare doppie: Paul Ricard (questo fine settimana), Hockenheim, Mugello e Imola. Già disputata la prima gara a Portimao, al momento rimane un punto interrogativo la partecipazione a Silverstone e Budapest.

La prima delle due gare al Paul Ricard è prevista sabato 14 maggio alle 16.00, preceduta dalle qualifiche alle 9.45. Il copione si ripete in gara 2, prevista la domenica 15 maggio alle 16.00 preceduta dalle qualifiche alle 9.45. Entrambe le gare sono trasmesse in diretta su SKY (canale 207) e in live streaming sul sito ufficiale www.ferrari.com

Max Mugelli:

“Ricordo come se fosse ieri il podio mondiale alle Finali Mondiali del 2002 a Misano: è stato forse il momento più importante della mia giovane carriera che mi ha dato la possibilità di diventare un professionista.

A vent’anni di distanza ho sicuramente qualche capello in meno, anzi molti, ma la voglia di vincere è rimasta sempre quella! E mi sono allenato molto per essere pronto a farlo!

Ovviamente sono felicissimo di tornare al volante di una Ferrari in uno dei monomarca più affascinanti e seguiti al mondo. Sapevamo di non poter partecipare alla gara di apertura di Portimao, ma il programma è nato a fine 2021 e la vettura è arrivata solo da pochi giorni.

Il nostro obbiettivo per questo 2022 è quello di partecipare ad almeno quattro gare per poter disputare le Finali Mondiali a Imola ad ottobre. Non abbiamo avuto modo di effettuare un vero e proprio test, ma lo shake down effettuato ieri a Modena ci ha permesso di verificare che tutto funzionasse e mi ha lasciato buone sensazioni.

I miei avversari hanno sicuramente girato più di me, avrò come rivale anche un ex pilota di F1 ma il mio obbiettivo sarà quello di ben figurare, il Paul Ricard è una pista che mi piace e che conosco bene per gli anni che ho corso in Francia.

Confido molto nel nostro neonato team Eureka Competition, da me e Tina diretto, che può contare sulla professionalità tecnica della D&C Racing di Maranello coadiuvati da Gianluca Pomozzi come ingegnere di pista, l’abbiamo già dimostrato alla prima gara della F4 Series. Per concludere, ovviamente ci tengo a ringraziare personalmente Massimo Martinelli per la grande fiducia che ha riposto in noi nel finanziare questa idea, progetto tutto fiorentino visto anche il patrocinio del comune di Firenze che ho da poco ricevuto. Un grazie inoltre alla concessionaria Ferrari CDP di Perugia nella persona di Angelo De Poi a cui spero di regalare le emozioni del 2002 oltre a tutti i miei sostenitori e amici a cui prometto di essere nelle posizioni che contano già in questo weeekend francese!”.

Lascia il tuo commento
commenti