Quinta Ronta: Ancora non ci sono i risultati del tampone, ma possono mandare i figli a scuola

Lo prevede la circolare del Ministero. Alcuni genitori: Io non mi prendo la responsabilità. Allora è inutile fare i tamponi

Attualità
visibility2482 - giovedì 15 ottobre 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Covid e bambini
Covid e bambini © N.c.

Alcuni genitori della scuola primaria di Ronta (che hanno i figli in quarantena dal primo ottobre per il caso emerso poco nella classe quinta), si dicono piuttosto sconcertati dal fatto di non aver ancora ricevuto le risposte dei tamponi eseguiti lunedì 12 ottobre). E soprattutto dal fatto che, come da circolare, essendo ormai trascorso il periodo della quarantena, potrebbero teoricamente già domani rimandare i figli a scuola.

Secondo la circolare del Ministero della Salute, infatti, i contatti stretti di casi con infezione Sars-CoV-2 devono 'osservare un periodo di quarantena di 14 giorni oppure un periodo di quarantena di dieci giorni unito al risultato negativo del tampone (si veda estratto della circolare qui in allegato).

Proprio questo fatto previsto dalla nuova circolare ha destato la sorpresa e lo sconcerto di alcuni dei genitori in questione, che affermano a OK!Mugello: "Allora è inutile fare i tamponi se il risultato non serve", o ancora "Io non mi prendo la responsabilità di farlo rientrare senza il risultato del tampone se poi fosse positivo mi sento in colpa di rimandare una classe intera in quarantena".

Insomma, la questione, in questo momento di passaggio dalle vecchie linee guida alle nuove, appare piuttosto confusa.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 17 ottobre 2020 alle 09:35 :

    escludendo medici, paramedici e infermieri che fanno il massimo molte volte con disagi e male protetti negli ospedali. Questo caos nella sanità a livello nazionale e pure regionale è frutto della politica fatta negli ultimi 10 anni di governi che si sono succeduti e da scandali regionali, (pure la Toscana coinvolta) io non mi sono dimenticato. Poi sapendo che questo ritorno del Covid era stato annunciato già da Maggio il governo non ha preso provvedimenti su tutto quello che serviva per affrontare nel modo migliore questa situazione, aveva tempo da Giugno a metà Settembre. Ritengo l'incapacità di un governo; oppure questa situazione deve essere così. Personalmente penso che il professore Sangrillo e la sua università sia l'unico che dice una verità come il professore Meluzzi. Rispondi a Mugelli Giampiero