Eolico Villore - Corella. Il vademecum per presentare osservazioni

Precisano dal Comitato: 'Chiunque può farlo. Ecco come'

Attualità
visibility614 - lunedì 25 maggio 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Una originale immagine del futuro impianto
Una originale immagine del futuro impianto © Crinali Liberi - Elaborazione grafica di Fabio Innocenti

Il Comitato per la Tutela dei Crinali mugellani ha pubblicato sul suo blog Crinali Liberi un vademecum perla consultazione del progetto e la presentazione di osservazioni al progetto di realizzazione di un impianto eolico tra il Giogo di Villore ed il Giogo di Corella. E ricorda che 'chiunque può scrivere osservazioni: dall' escursionista al cacciatore, dal B&B al cercatore di funghi e tartufi, da chi ama godere del paesaggio a chi va in bicicletta'.

Clicca qui per il vademecum del. Comitato

Clicca qui per Crinali Liberi

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • andrea benati ha scritto il 26 maggio 2020 alle 16:50 :

    Cortesemente, come vi ho già chiesto con un commento di questa mattina, potete evidenziare che l'elaborazione grafica dell'affresco di Giotto è opera di Fabio Innocenti? Rispondi a andrea benati

  • gioconda cicirello ha scritto il 26 maggio 2020 alle 12:36 :

    alla redazione...l'articolo molto illuminante e ironico "Il paesaggio di Giotto, del Beato Angelico o... il paesaggio dell'AGSM Verona Spa?" sarebbe carino e a favore di lettore se fosse immediatamente leggibile. grazie Rispondi a gioconda cicirello

  • Mugelli Giampiero ha scritto il 26 maggio 2020 alle 08:26 :

    non vale la pena mettere otto mulini a vento dell'armata Brancaleone veronese. Non servono a niente Rispondi a Mugelli Giampiero

  • andrea benati ha scritto il 26 maggio 2020 alle 07:17 :

    Va puntualizzato che il post intitolato "Il paesaggio di Giotto, del Beato Angelico o... il paesaggio dell'AGSM Verona Spa?" è stato pubblicato sul sito www.reteresistenzacrinali.it. Le rielaborazioni degli affreschi di Giotto e del Beato Angelico sono di Fabio Innocenti. Grazie. Rispondi a andrea benati