Matrimonio gay a Pontassieve. Gaffe (e figuraccia) con il padre dello sposo

Attualità
visibility1758 - venerdì 02 giugno 2017
di Matteo Bruni
Più informazioni su
Matrimonio gay a Pontassieve. Gaffe (e figuraccia) con il padre dello sposo
Matrimonio gay a Pontassieve. Gaffe (e figuraccia) con il padre dello sposo © n.c.

Pontassieve – Qualche giorno fa, sabato 27 maggio, Marco e Luca hanno deciso di unirsi civilmente nel comune di Pontassieve. Il padre di Luca, Massimo, arriva in paese e si ferma a chiedere indicazioni su dove fosse il municipio.

Gli risponde da un bar un gruppetto di maleducati: “che più avanti si sposano due finocchi!”. E lui: “uno dei due finocchi è mio figlio”. Grande figuraccia. Forse grande sfortuna?! Ma scherzi a parte, una battuta, un appellativo davvero infelice.

Comunque Massimo lì per lì passa avanti. Poi ci ripensa e torna indietro, con la nonna di Luca che voleva seguirlo per “suonarne lei quattro a quei quattro”.

Per fortuna tutto si risolve con qualche scambio di battute. Classico esempio di quando non si pensa abbastanza prima di parlare?! Forse. O forse una spregiudicata abitudine alla mancanza di rispetto?! Fate voi. L’episodio raccontato da babbo Massimo sul suo profilo FB. Ecco il suo post:

Ieri 27 maggio mio figlio Luca e il suo compagno Marco si sono uniti civilmente nel comune di Pontassieve.

La giornata è cominciata con io che abbasso il finestrino dell'auto e chiedo agli avventori di un bar dove sia il municipio, la risposta?

-Come no è lì più avanti lo trovi subito ci sono due finocchi che si sposano ahahahahahahahah

-Uno di quei due finocchi è mio figlio

Si sono messi tutti a ridere.

Vado avanti parcheggio l'auto e saluto chi già era arrivato lì, poi dico a mia moglie "scusami un attimo che devo andare giù a dire un paio di cose a quei signori"

No non andare che poi fai a pugni il giorno del matrimonio di Luca.

E mia madre 72enne con il bastone "vengo anch'io, gli tiro una bastonata"

Mi vedono arrivare, 4 figuri con le birre in mano si bloccano smettono di parlare e di bere.

-Qui i finocchi possono bere? O vi devo prendere tutti a schiaffi?

Esce il barista trafelato "qui possono bere tutti vorrei vedere il contrario"

I figuri, meno uno "bravo sei un grande, così si fa, beviamoci tutti su"

Dico al tipo che mi aveva risposto al finestrino dell'auto

-La gaffe di oggi la puoi segnare sul calendario, figure di merda così non capita a tutti di farle.

Risata generale.

Mentre risalivo la stradina lastricata di pietra, con mia mamma che arrancava col bastone "uomini di merda, questi sono gli omofobi, si sono tutti cacati addosso dalla paura"

Alla faccia loro, è stata una bellissima giornata, ho pianto ho riso e mi sono ubriacato😀

L'assessora che ha eseguito il rito si è commossa insieme a tutti noi, i curiosi nella piazza del comune hanno applaudito e inviato auguri, un menestrello ha improvvisato una canzone su Luca Marco e l'omofobo di merda e tutti abbiamo riso.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • I Cacciatori, lo Squalo ed il porcino tra le curiosità 2017 di OK!Mugello. ha scritto il 03 gennaio 2018 alle 08:10 :

    […] Bilancino il 1 di Aprile ( stato proprio un pesce di Aprile) letto oltre 7600 volte, il “Matrimonio Gay” a Pontassieve 7000 letture, seguito dal “porcino record” di oltre 2 kg letto […] Rispondi a I Cacciatori, lo Squalo ed il porcino tra le curiosità 2017 di OK!Mugello.

  • Leonardo ha scritto il 06 giugno 2017 alle 18:22 :

    C' poco da ridere. Rispondi a Leonardo

  • Leonardo ha scritto il 04 giugno 2017 alle 22:45 :

    Certo, Damiano, se mettiamo di mezzo Dio, tiriamo in gioco anche il figlio: Gesu disse ai suoi discepoli amatevi gli uni con gli altri cos come io vi ho amato. E lo ribadisce sentenziando che non c' nessun comandamento pi importante di questo. Altro che "non uccidere" o "non rubare"! Visto che i discepoli eran tutti uomini, cosa ci dobbiamo immaginare? Non si preoccupi, non c'entra niente con l'amore fisico. Dice semplicemente che ognuno deve voler bene agli altri.di qualsiasi genere esso/a sia. Il Vostro Dio prima e il suo figlio poi vi impongono di voler bene a tutti. Il sostenere che dire "si sposano due finocchi" una battuta da aspettarsi perch "non una cosa da tutti i giorni" non proprio voler bene. Scusa, ma se si sposassero un uomo e una donna sordo-ciechi e su carrozzina con quale appellativo si devono additare, visto che "non succede tutti i giorni"? Non tirate nel mezzo il Vostro Dio per giustificare le vostre insoffere Rispondi a Leonardo

  • Leonardo ha scritto il 04 giugno 2017 alle 22:45 :

    nze. Siate pi onesti e prendetevi il merito dei vostri pensieri. Anche perch poi si passa al " non dire falsa testimonianza ". Rispondi a Leonardo

  • Leo ha scritto il 03 giugno 2017 alle 22:46 :

    Se cominciassimo a smettere di giudicare gli altri giudicare pi noi stessi vivremmo tutti molto meglio Dare del finocchio al figlio che si sta sposando a m sembra pesante probabilmente ..... Rispondi a Leo

  • Paolo ha scritto il 03 giugno 2017 alle 09:45 :

    Ma l'amore ha regole o confini? Siamo tutti figli di Dio, fatti a sua immagine e somiglianza! W l'amore e abbasso i pensieri contorti!!!! Rispondi a Paolo

  • alfa omega ha scritto il 02 giugno 2017 alle 23:27 :

    @damiano tu che sai tutto e che hai la linea diretta con DIO per curiosit mi sai spiegare perch IL GIRINO LA diventa LA RANA oppure IL BRUCO diventa LA FARFALLA,....non era stato tutto gi deciso dalla natura ?....forse il 'coro' e un p pi grande di quello che la tua mente pu immaginare! Rispondi a alfa omega