A Marcoiano il Cardinale ed il Rabbino in memoria di Don Leto Casini. La frase scelta dai ragazzi

Collocata una pianta di ulivo e affissa una targa con la frase scelta: ‘La vita degli altri è davanti alla mia. Nessuno escluso! Fratelli, non siate indifferenti’

Attualità
visibility640 - sabato 21 maggio 2022
di Redazione
La foto di gruppo con i ragazzi e le autorità
La foto di gruppo con i ragazzi e le autorità © N. C.

Si è tenuta ieri, in località Marcoiano, frazione nel Comune di Scarperia e San Piero, alla chiesa di Santa Maria la collocazione della pianta di ulivo e della targa commemorativa in ricordo di Don Leto Casini, che fu parroco della Chiesa di Marcoiano. 

Don Leto si è distinto durante gli anni della seconda guerra mondiale per aver aiutato la comunità ebraica fiorentina perseguitata dalla dittatura nazi-fascista. Al termine della guerra, è stato nominato dallo Stato d'Israele come “Giusto tra le Nazioni” ed inoltre nel 2004 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi gli ha conferito la Medaglia d'Oro alla Memoria.

Nella seduta del 27 gennaio scorso il Consiglio Comunale di Scarperia e San Piero, con voto unanime, ha ricordato le attività compiute dal parroco per salvare molti ebrei ed ha deliberato la collocazione di una pianta di ulivo e l'apposizione di una targa sopra la quale è incisa una frase ideata dagli studenti e dalle studentesse della classe 3^D dell'Istituto Comprensivo di Scarperia e San Piero insieme al professore di religione Tiziano Pecchioli: 

 ‘La vita degli altri è davanti alla mia. Nessuno escluso! Fratelli, non siate indifferenti’

Questa iniziativa, oltre ad essere l'occasione per ricordare il 120esimo anniversario dalla nascita e il 30esimo dalla morte di don Casini, è anche un'opportunità per far accrescere nella comunità un sentimento di fratellanza affinché non si abbassi mai la guardia su episodi di odio, razzismo e difesa dei diritti umani.

Alla cerimonia di venerdì 20 maggio presenti, oltre al Sindaco Federico Ignesti in rappresentanza del Comune, il rabbino Capo di Firenze Gad Piperno, il Cardinale Giuseppe Betori, il consigliere regionale Massimiliano Pescini e gli alunni della classe 3^D della scuola secondaria dell'Istituto Comprensivo di Scarperia e San Piero.

 

Lascia il tuo commento
commenti