Borgo. Il Rugby Mugello inaugura la panchina viola contro il bullismo

Attualità
visibility350 - mercoledì 26 maggio 2021
di Nicola Di Renzone
Più informazioni su
La panchina viola
La panchina viola © Nc

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Rugby Mugello su proposta della sua Presidente Daria Villani, è stata la prima società sportiva della provincia di Firenze ad aver aderito alla Settimana Nazionale delle Panchine Viola. La stessa Villani motiva la partecipazione della società che presiede: “Lo sviluppo inquietante di fenomeni di bullismo, disprezzo sociale ed economico verso il diverso da noi è un campanello d’allarme a cui si può rispondere con la gentilezza”. Per tale occasione il 22 Giugno sarà inaugurata una panchina viola presso il campo Romolo Landi di Borgo San Lorenzo. Come da linee guida per la realizzazione delle panchine viola ognuna deve riportare una frase sulla gentilezza proposta dai promotori locali dell’iniziativa, a questo proposito l’Asd Rugby Mugello ha scelto:” sul campo ci sono avversari da rispettare e mai nemici da annientare”; inoltre è stata proposta anche una funzionalità sportiva, ovvero sulla panchina viola si può fare il tifo senza bandiera, cioè si invitano i genitori degli atleti in campo a sedere, insieme ed a tifare, insieme, tutti i giocatori senza guardare alla maglia del proprio figlio. Considerando le normative vigenti anti Covid-19, la società di rugby ha coinvolto i propri giovani atleti a scrivere, su un cartoncino, una frase che sia la loro idea di gentilezza nello sport; tali lavori saranno poi appesi nel locale ristoro per tutta la settimana della gentilezza, in maniera da renderli visibili a tutti i tesserati.


La Panchina viola simbolo di gentilezza

La prima panchina della gentilezza di colore viola è stata inaugurata il 7 Dicembre 2019 a Quincinetto TO, ideata dall’Assessore alla Gentilezza Erina Patti, la sua funzionalità è stata proposta dai bambini della scuola primaria locale durante un laboratorio dedicato, sulla panchina viola si può fare la pace, ci si può dare un appuntamento, si può giocare insieme..Venne scelto il viola in quanto deriva dall’unione del rosso che rappresenta la concretezza e del blu che simboleggia la profondità, pertanto ben identificativo della gentilezza. Da allora già alcuni Comuni Italiani l’hanno riproposta. Per la realizzazione della panchina viola è preferibile che venga rigenerata una panchina già esistente, che vengano coinvolti bambini e ragazzi nella sua realizzazioene e che riporti una frase significativa sulla gentilezza.

 

Coinvolte le comunità locali e sportive

Il Progetto Nazionale Costruiamo Gentilezza che ha come obiettivo, in 15 anni, di far diventare la gentilezza un’abitudine sociale diffusa, dopo aver sin da subito inserito la Panchina Viola nell’Archivio pubblico delle buone pratiche di gentilezza, ha programmato di favorirne la diffusione proponendo quest’anno un’intera settimana nazionale dedicata alle panchine viola, dal 21 al 27 di Giugno. In questo periodo oltre ai Comuni Italiani potranno inaugurare nuove panchine viola anche le società sportive, in quanto la panchina oltre ad essere un complemento d’arredo urbano è ricorrente anche nello sport. “L’inaugurazione delle panchine (o panche) viola rappresenta un’opportunità per far conoscere concretamente l’importanza della gentilezza per accrescere il benessere delle comunità locali e sportive – il fair play è gentilezza -, in particolar modo quello dei bambini e dei giovani” spiegano dall’Associazione Cor et Amor che coordina l’attuazione del progetto nazionale.


I comuni e le società sportive hanno tempo sino al 19 Giugno per aderire alla Settimana Nazionale delle Panchine Viola compilando il form sulla piattaforma web www.costruiamogentilezza.org .

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Paolo ha scritto il 26 maggio 2021 alle 13:00 :

    RICAPITOLANDO .... panchina rossa contro la violenza sulle donne panchina arcobaleno contro omofobia panchina viola contro bullismo ce la possiamo fare ... il prossimo carnevale tutti arlecchino !! Rispondi a Paolo