I giardini della stazione ferroviaria a Dino Campana e Sibilla Aleramo

Aldo Giovannini

I giardini della stazione ferroviaria a Dino Campana e Sibilla Aleramo

I giardini della stazione ferroviaria a Dino Campana e Sibilla Aleramo
08/04/2019

Il tempo di citare l’inaugurazione del nuovo Museo Espositivo “Chini” (quasi interamente dedicato a Galileo Chini) a Villa Pecori Giraldi, ecco che il giorno successivo sabato 6 aprile 2019, altra inaugurazione, più semplice, ma pur sempre significativa, in occasione della cerimonia  d’intitolazione dei giardinetti comunali davanti alla Stazione Ferroviaria in piazza Giuseppe Alpigini (la lapide è illeggibile, andrebbe ridipinta), al poeta Dino Campana e alla sua compagna Sibilla Aleramo, anch’essa finissima poetessa.

Grazie alla cara amica Beatrice Niccolai, affermata poetessa, nipote del grande scrittore e storico Francesco Niccolai, autore nel 1914 della storia sul Mugello e della Val di Sieve e alla Pro Loco di Borgo San Lorenzo, sotto la presidenza di Alessio Capecchi, molto attiva in questi ultimi tempi, una volta conosciuto la storia d’amore fra Campana e la Aleramo, che spesse volte si ritrovavano alla Stazione di Borgo San Lorenzo per andare poi alla Villa la Topaia sotto San Giovanni maggiore per  stare insieme in intimità qualche giorno lontano da occhi indiscreti, ecco dicevamo che  interessarono l’assessorato alla cultura per intitolare appunto i giardinetti a questi due grandi poeti.

La domanda è stata accolta, i giardinetti sono stati, dopo tanti anni di degrado, completamente restaurati, sono state innalzate le diciture in ferro  che ricordano i due poeti con tanto di ritratto, e sul davanti alla vasca, ecco una lapide in ceramica, opera di Vieri Chini,  dove si legge “Borgo San Lorenzo — città della Ceramica”.

Finalmente sabato scorso 6 aprile 2019, il sindaco Paolo Omoboni, l’assessore alla cultura Cristina Becchi, il presidente della Pro Loco Alessio Capecchi, la poetessa Beatrice Niccolai, tanti amici fra gli altri Marisa Mazzoni, presidente dell’Associazione “Note da Mugello” i giornalisti Paolo Guidotti, Paolo Marini e Serena Pinzani, altri simpatizzanti, è stato ufficialmente intitolato i giardini della Stazione Ferroviaria a Campana e la Aleramo. Chissà cosa avrebbero pensato che quel luogo dopo 100 anni  sarebbe stato a loro dedicato! Infine una nota inerente a questa inaugurazione. La mattina di sabato due ore prima dell’inaugurazione, la  Rai  (Canale Rai 5), ha messo in onda, alle ore 7,30  un lungo documentario sulla storia e sulla vita di Dino Campana e Sibilla Aleramo, che abbiamo seguito con molta attenzione, prima di portarci alla Stazione Ferroviaria. Davvero incredibile questa concomitanza.

Foto ricordo dopo la cerimonia; da sinistra Luciano Capecchi, il sindaco Paolo Omoboni,  il presidente della Pro Loco Alessio Capecchi, l’assessore alla cultura Cristina Becchi,  la giornalista Serena Pinzani,  la poetessa Beatrice Niccolai,   la presidente dell’Associazione “Note dal Mugello” Marisa Mazzoni e  il dott. Vieri Ristori.

Le due testimonianze biografiche di Dino Campana e Sibilla Aleramo a lato dei giardini

Le due testimonianze biografiche di Dino Campana e Sibilla Aleramo a lato dei giardini

(Foto A.Giovannini)

Aldo Giovannini


Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

Un commento

  1. paola ha detto:

    Come sempre ottima recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA