Borgo. Nuovo successo per il concerto in Pieve

Aldo Giovannini

Borgo. Nuovo successo per il concerto in Pieve

Borgo. Nuovo successo per il concerto in Pieve
24/06/2019

Dopo i due concerti eseguiti nell’Oratorio di Sant’Omobono ( “l’Oboe nel ‘700”) e nella Pieve di San Lorenzo a Borgo San Lorenzo (“da Londra con”) che hanno ottenuto un lusinghiero successo di pubblico, lo scorso mercoledì 9 giugno 2019, per il terzo anno consecutivo l’Orchestra della Toscana è stata ospite nel capoluogo mugellano con un concerto ad altissimo livello che si è svolto nell’imitabile scenario della romanica pieve Millenaria di San Lorenzo.

Quest’anno il programma é stato su Johann Sebastian Bach e congiunti con due suite per orchestra concertate da Augusto Gasbarri e il concerto per flauto del figlio Johann Christian Bach eseguito da Fabio Fabbrizzi.

E’ stata una musica di altissimo livello per un’ Orchestra della Toscana in ottima forma sotto la guida sapiente del violoncellista  Augusto Gasbarri. Eccezionale performance del flautista Fabio Fabbrizzi che ha incantato il folto pubblico con la sua bravura esplosa nella celebre Badinerie finale.

La Pieve di San Lorenzo degna secolare cornice era, come sopra scritto, affollatissima e gli applausi scroscianti di un pubblico entusiasta ha così accolto il finale di questo grande concerto. Bravi davvero e complimenti.

Foto Elisabetta Mereu

Aldo Giovannini


Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

2 commenti

  1. Vincenzo Olivicciani ha detto:

    Si può sapere dove vede Johann Christian?
    Ma leggere attentamente le fonti, prima di scrivere non sarebbe una buona idea?
    Mah…

    1. Saverio Zeni ha detto:

      Gentile Signor Livicciani, ha perfettamente ragione. Da dove sia venuto fuori questo Johann Christian, non me lo so spiegare, avendo sotto gli occhi il catalogo di presentazione. Ma!!

      Il bello è che i tanti musicisti, coristi, maestri, prof. amanti della grande musica etc,etc, nessuno se ne è accorto. Eppure è stato cliccato e letto da oltre 1800 persone. Complimenti a Lei.

      Tante cordialità, Aldo Giovannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA