OK!Mugello

Treni, guasto sulla linea Faentina. Baccelli: “Disservizio inaccettabile”

Il guasto di stamani mattina, secondo RFI, sarebbe stato causato da un atto vandalico presso la stazione di Crespino

Abbonati subito
  • 190
Ferrovia Faentina. Immagine di repertorio Ferrovia Faentina. Immagine di repertorio © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

“Il disservizio causato stamani da Trenitalia e Rfi è semplicemente inaccettabile”. Così l’assessore regionale a trasporti e mobilità Stefano Baccelli commenta la mattinata di caos per i pendolari fra il Mugello e  Firenze  a causa di un guasto sulla linea Faentina. “Da un lato - sottolinea Baccelli - c’è un guasto agli impianti non meglio specificato, sebbene informare gli utenti e la Regione sia un chiaro dovere di facile esecuzione. Dall’altro lato c’è la ben più grave scarsità e approssimazione comunicativa da parte di Trenitalia: tre email standard identiche ad altre decine ricevute ogni giorno - di cui una contenente pure indicazioni sbagliate - per avvisare che il guasto avrebbe causato la cancellazione o sostituzione di alcuni treni. Non un messaggio a me o agli uffici regionali per chiarire cosa accadeva e perché, nessun riferimento ai ritardi mostruosi che si stavano registrando e neppure un avviso alla risoluzione del problema”.

“È del tutto intollerabile: non esistono bonus e penali che riparino simili disastri a danno dei cittadini”, aggiunge Baccelli. “Se il gestore non è in grado di garantire un servizio e una comunicazione decenti nonostante 240 milioni all’anno, basta che lo dica. Fino ad allora, si impegni a comunicare con tutto l’anticipo possibile, nonché in modo chiaro e assolutamente tempestivo ogni cantiere, anomalia e provvedimento assunto”.

“Confido - conclude Baccelli - che due aziende come Trenitalia e Rfi abbiano la competenza per individuare gli strumenti e i metodi migliori per comunicare i propri problemi, perché né le email standard, stringate e tardive, né le interruzioni comunicatemi sotto data via WhatsApp costituiscono una strategia rispettabile”.

Lascia un commento
stai rispondendo a