OK!Mugello

San Casciano in lutto per la morte di Massimiliano Pescini

L’amministrazione comunale, profondamente addolorata, si stringe intorno ai familiari. Ecco come porgergli l'ultimo saluto.

  • 215
Massimiliano Pescini Massimiliano Pescini © Facebook
Font +:
Stampa Commenta

E’ una giornata di grande dolore per la comunità di San Casciano in Val di Pesa che così annuncia la morte del suo ex sindaco.

"Si è spento, qualche ora fa, presso la struttura ospedaliera di Careggi dove era ricoverato da alcune settimane, il consigliere regionale Massimiliano Pescini (PD), sindaco di San Casciano in Val di Pesa dal 2009 al 2019, in carica nel ruolo di membro del Consiglio regionale della Toscana dal 2020.

Aveva 49 anni, originario di Mercatale Val di Pesa, frazione del Comune di San Casciano in Val di Pesa. Se l’è portato via, in un paio di mesi, una malattia contro la quale ha lottato fino alla fine del suo fulminante percorso di sofferenza.
L’amministrazione comunale di San Casciano in Val di Pesa esprime profondo cordoglio per la prematura scomparsa del consigliere Pescini. Il sindaco e la giunta si stringono con tutto il loro affetto intorno alla famiglia per la gravissima perdita di un grande uomo, una persona straordinaria, conosciuta e apprezzata per le sue qualità politiche, istituzionali e umane. Massimiliano Pescini se n’è andato e il dolore più profondo pervade l’animo di tutta la comunità, attonita e incredula di fronte a un lutto che lascia un vuoto immenso nella vita pubblica, sociale e culturale di San Casciano, del Chianti e della Toscana."

Nella nota del comune anche gli appuntamenti per chi vorrà dargli l'ultimo saluto." Sarà possibile rivolgere un ultimo saluto a Massimiliano Pescini domani, domenica 26 maggio, dalle ore 14 alle ore 20 e lunedì 27 dalle ore 9 alle ore 12 presso la camera ardente allestita negli spazi della Misericordia di Mercatale Val di Pesa (piazza del Popolo).
I funerali si terranno lunedì 27 maggio alle ore 15.30 alla Propositura di San Casciano in Val di Pesa, nel capoluogo (piazza Cavour).


Intanto non si placa l'ondata di commozione dei tanti che hanno conosciuto e apprezzato Pescini nella sua vita pubblica.
 

 “Massimiliano Pescini ci ha lasciati troppo presto. Politico serio, capace, stimato prima come sindaco di San Casciano Val di Pesa e poi come consigliere regionale. Sempre attento ai temi del mondo agricolo.
Una persona corretta, dalla grande umanità, e un politico sempre capace di ascoltare le ragioni degli altri. Esprimiamo cordoglio e vicinanza ai famigliari”. 
A dirlo è Francesco Colpizzi, presidente dell’Unione degli Agricoltori di Firenze.

Egidio Raimondi e Sandra Giorgetti co portavoce di Europa Verde-Verdi Firenze: "Massimiliano Pescini era un politico di rango. Amministratore accorto, attento agli equilibri e rispettoso delle differenze. E' stato un sindaco di spessore che ha saputo coniugare sul suo territorio le esigenze dell'ambiente e quelle dell' economia. Di lui ricordiamo la serietà che era strettamente connessa ad un carattere attento e misurato, ma anche cordiale ed affabile. Una persona in cui i tratti positivi dell'uomo diventavano un valore aggiunto nella politica. Mancherà. Ci stringiamo alla sua famiglia in questo momento di dolore."

Distrutto e di poche parole l'amico e collega sindaco di Tavarnelle-Barberino David Baroncelli: "La vita mi aveva regalato un fratello, la vita me l’ha tolto. Ciao Massimiliano, ti voglio bene."

Riccardo Lazzerini sindaco di Impruneta anche lui consegna al web il suo ricordo: "Chi si può vantare di essere stato un "Signore della Politica" se non lui, in un mondo fatto di "strilloni", insulti ed esseri "beceri"... Massimiliano Pescini mancherà a tutti noi e il suo vuoto, già in questi mesi si era fatto sentire. Non poteva essere altrimenti per una persona come lui, un vero punto di riferimento sempre misurato ed attento. Mi piace ricordarlo, così a caldo, in una (direi l'unica) discussione che abbiamo avuto durante il Peposo Day 2022, perché nonostante ci trovassimo in quel momento in posizioni diverse, avevamo l'unico scopo comune di trovare una sintesi nel vero spirito di amicizia e politica e, quella discussioni ci vide alla fine ancora più amici di prima.
Un saluto sincero ai suoi cari. personalmente posso dire che non lo dimenticherò mai. Perdo un amico e un faro politico!"

Cristina Scaletti ex assessore regionale all'agricoltura e i corsa per la poltrona di sindaco di Fiesole: "E poi arriva quella notizia terribile che non avresti mai voluto ricevere. Che ti parla prima di tutto di un amico che aveva fatto della gentilezza umana prima ancora che politica un modo di essere e di vivere.
Personale e pubblico E conservo nel cuore ogni sorriso e ogni abbraccio. Ci mancherai tantissimo. Ti vogliamo bene. Ci stringiamo tutti intorno alla tua famiglia"

P
oche parole e tanto dolore anche per Francesco Casini sindaco uscente di Bagno a Ripoli e in corsa per il consiglio comunale fiorentino: "Un bravissimo sindaco, un amministratore appassionato e sempre attento ai suoi cittadini, una persona gentile, un caro amico. Ciao Massimiliano ci mancherai🤍

Sconvolto anche Valerio Fabiani, vicino d'ufficio in regione: "L'ultima volta che siamo stati insieme ci eravamo detti di organizzare una cena con te e Lorenzo, poi l'arrivo della malattia ci ha tolto quella cena, le nostre chiacchiere, le battute, gli aneddoti sul partito, sulla tua San Casciano e il tuo Chianti per toglierci infine il tuo sorriso e tutto quanto. Massi, manchi già, immensamente."

Anche l'assessore di Greve in Chianti Giulio Saturnini è affranto: "Caro Massimiliano. Grazie per l’amicizia, gli insegnamenti, le nottate a ragionare dopo un’iniziativa. Sei “il più bravo di tutti”, il migliore di questa generazione di amministratori, e almeno questo ho fatto in tempo a dirtelo. In politica i vuoti si colmano sempre, purtroppo, ma il vuoto che lasci te non lo potrà riempire nessuno."

Lascia un commento
stai rispondendo a