OK!Mugello

Le liste dei candidati: Eike Schmidt punta sulla cultura per riappropriarsi delle Cascine

Presentata la la civica a sostegno con capilista Paolo Bambagioni ex Pd e Massimo Sabatini ex Lega.

  • 115
La lista di Eike La lista di Eike © N. c.
Font +:
Stampa Commenta

Perfetto equilibrio far uomini e donne 18 donne e 18 uomini, che rappresentano un ampio ventaglio di professioni e di età e addirittura il pronipote di Gabriele D'Annunzio.
Due i capilista: Paolo Bambagioni, ex sindaco di Signa per due mandati ed ex consigliere regionale Pd, e Massimo Sabatini fino all’altro ieri consigliere comunale della Lega.
Poi un pugno di uomini e donne molto noti in città con i quali proverà a scardinare il cosiddetto “fortino rosso” come non mai quest’anno in bilico e con possibilità concrete di andare al ballottaggio. 
Ieri al Teatro Niccolini il candidato sindaco del centrodestra Eike Schmidt, ha presentato la sua lista a sostegno “Eike Schmidt Sindaco”.
“La nostra lista civica- ha detto l’ex direttore degli Uffizi - si ispira alle grandi personalità che hanno reso Firenze magnifica, unica nella storia generale dell’umanità: da Eleonora da Toledo che ha promosso la cura del verde e le attività agricole nel cuore della città e in Toscana, ad Anna Maria Luisa de’ Medici, che ha legato le collezioni d’arte dei Medici a Firenze, impedendone la dispersione; da Pietro Leopoldo d’Asburgo-Lorena, primo in Europa nell’impegno per la libertà individuale, per la giustizia e i diritti umani, a Giorgio La Pira che ha creato un’alternativa ai sistemi totalitari, basata sui valori del Cristianesimo e del Rinascimento fiorentino.”

Si tratta di 18 donne e 18 uomini della società civile, che per interessi e professione abbracciano un panorama ampio e diversificato: sono avvocati, imprenditori, professori, medici, ricercatori universitari, storici dell’arte, commercialisti, albergatori, e uno chef scienziato. 
Tra i candidati anche una vecchia gloria del Calcio Storico fiorentino, Paolo Nelli, il luogotenente Sauro Bertinelli, ex comandante del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri, Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana e lo chef scienziato Guido Mori direttore dell'Università della Cucina Italia e popolarissimo sui social per la sua lotta contro il food porn.
L’età media dei candidati è di 53 anni, e spazia dai due rappresentanti della Generazione Z Lorenzo Sibilla, classe 2003, e Giorgio Charles Bonini, del 2001, fino ad Alessandro Villoresi, classe 1947, dirigente con una lunga carriera nella comunicazione e nella pubblicità. Molti hanno vissuto per un periodo all’estero e portano uno sguardo internazionale sulla città. Tra i “nipoti d’arte”, oltre all’imprenditore digitale Federico D’Annunzio, bisnipote di Gabriele D’Annunzio, spicca anche Livia Bartoli, avvocato con la passione per l’arte, nipote dell’architetto Lando Bartoli e pronipote dello scultore e pittore livornese Umberto Bartoli.

Decoro, sicurezza, trasporti e viabilità, i temi affrontati nell’incontro: Per Schmidt gli autovelox vanno spostati dai punti nascosti nelle curve e vicino a queste, dai rettilinei vicini all’entrata e uscita dell’autostrada alle zone dove il controllo rigoroso della velocità riesce a migliorare la sicurezza dei cittadini, ad esempio davanti agli ingressi delle scuole.
Quanto al verde «l’impegno per l’ecologia vera, il verde pubblico e i parchi inizia con la revisione radicale del progetto tramviario. Va immediatamente arrestata la disastrosa de-forestazione delle strade di Firenze, prevista per far posto alle strutture della tramvia». 

Da ultimo le Cascine, capitolo su cui Schmidt punta molto. “Il Teatro del Maggio Musicale deve aprirsi verso il parco delle Cascine, e offrire programmi di musica, teatro e danza all’aperto»
Contro l’overtourism poi «va rivoluzionato il sistema della tassazione dei rifiuti. Vedo con grande interesse le proposte per sviluppare quella che è attualmente è la tassa di soggiorno, che è una tassa di scopo. L’obiettivo è far passare più tempo nelle città. La nostra proposta è di alzare la prima notte della tassa di soggiorno per poi andare a scendere dalla seconda in poi: più a lungo si sta e meno si paga».

Questi i candidati al consiglio comunale
Capilista Paolo Bambagioni e Massimo Sabatini: Laura Accordi, Gabriele Bardazzi, Alessandra Barone, Livia Bartoli, Sauro Bertinelli, Giorgio Charles Bonini, Cristiana Bossi, Gemma Brandi, Giuseppe Caglia, Maria Pina Caprioli, Francesca Caroti, Federico d’Annunzio, Fabio Filippini, Leonardo Focardi, Giulia Fornasiero, Andrea Gatti, Guido Mori, Paolo Nelli, Niccolò Nesi,,Annita Norcini Tosi, Francesca Pacini, Paolo Parri, Alessandra Pezzati, Lorenzo Piovanelli, Elisabetta Romeo, Elena Rossi, Carlo Rossi Ferrini, Ethel Santacroce, Lorenzo Sibilla, Maria Matilde Simari, Guja Simoni, Beatrice Tancredi, Ilaria Tanini, Alessandro Villoresi.

Lascia un commento
stai rispondendo a