OK!Mugello

I boati di stamani, ecco a cosa sono dovuti

Dei rumori che spaventano ma che paradossalmente devono solo tranquillizzare.

  • 2538
Due caccia in azione Due caccia in azione © Aeronautica Militare
Font +:
Stampa Commenta

A seguito delle apprensioni di questa mattina per i forti boati uditi in Mugello (articolo qui) e in attesa della risposta ufficiale che stiamo attendendo dell'Areonautica Militare possiamo intanto tranquillizzare i nostro lettori che probabilmente si è trattato dello "scramble" di due Eurofighter in servizio di allarme. "Decodificando" i termini militari in poche parole trattasi di un protocollo della sicurezza nazionale che fa scattare un'allarme laddove si perda la comunicazione radio con un aereo civile di linea e che prevede l'immediato decollo di due caccia militari per accertarsi di cosa possa essere successo.

Un fenomeno accaduto peraltro, solo per fermarsi agli episodi più recenti, anche due giorni fa e ad inizio gennaio di quest'anno; date che hanno in comune un elevato traffico aereo e conseguente maggior livello d'attenzione agli spazi aerei dovuti al maggiore flusso di velivoli in occasione dei periodi delle vacanze.

Tecnicamente e per spiegarlo prendiamo ad esempio l'episodio avvenuto il 12 agosto scorso quando due caccia intercettori F-2000 Eurofighter dell’Aeronautica Militare del 51° Stormo di Istrana, sotto la guida dei controllori della Difesa Aerea dell’11° Gruppo D.A.M.I. di Poggio Renatico hanno compiuto un intervento su ordine di decollo immediato (in gergo militare detto “scramble” appunto) per intercettare e verificare un velivolo civile che aveva perso il contatto radio con gli enti del traffico aereo. Il velivolo era un Airbus 320 della Chair Airlines, decollato da Palma de Mallorca e diretto a Zurigo che stava attraversando lo spazio aereo italiano quando ha interrotto le comunicazioni, facendo così scattare la procedura di allarme e intercettazione. 

Boati quindi che devono solo tranquillizzare perché rientrano nel quotidiano delle nostre forze aeree che assicurano senza soluzione di continuità la sorveglianza dello spazio aereo nazionale.

 

Lascia un commento
stai rispondendo a