OK!Mugello

In consiglio comunale passa il piano operativo anestetizzato dalla "ghigliottina"

Le 400 osservazioni vengono accorpate dal Presidente Milani a blocchi impedendo le singole controdeduzioni. La maggioranza si spacca e perde (tre) pezzi.

  • 151
Ecco cosa è stato votato in aula Ecco cosa è stato votato in aula © OkNews24
Font +:
Stampa Commenta

Il Consiglio Comunale di Firenze ha approvato dopo una lunga e tesa maratona di tre giorni il Poc, ovvero il piano operativo dal punto di vista urbanistico della Firenze del futuro.

Un passaggio fondamentale che disegna il futuro della città e che trova un Dario Nardella entusiasta: “Sono felicissimo - dichiara il sindaco - perché nessuno era mai arrivato a raggiungere questo obiettivo: abbiamo approvato l’atto urbanistico più importante entro la fine del mandato."

Uno strumento importantissimo, un passo fondamentale che parla di persone, infrastrutture, strade, giardini e che coinvolge residenti, studenti, utenti e visitatori e che è stato approvato grazie al sistema della ghigliottina che ha "anestetizzato" di fatto la lunga e complessa fase di democrazia applicata delle osservazioni (partita ad aprile 2023 e conclusasi 80 giorni dopo) in cui singoli cittadini, associazioni, comitati, ecc., potevano presentare osservazioni appunto ai piani adottati, nello specifico al piano strutturale, al piano operativo, ai vincoli espropriativi, al rapporto ambientale VAS, all'intesa preliminare Parco agricolo della Piana. Una fase che anche lo stesso Nardella, che dopo la defenestrazione della super ex assessora Cecilia Del Re aveva tenuto per sé la delega all’urbanistica e che puntava a far approvare entro il 2023, giudicava “un’occasione di arricchimento degli strumenti di governo della città”.

Le osservazioni al Poc presentate e depositate nei tempi e nei modi sopra descritti erano in tutto oltre 400 e ciascuna di esse a rigor di logica deve ricevere in aula un parere; invece, stamani, con un passaggio tecnico che è stato quasi incomprensibile per i molti fiorentini che seguivano i lavori in aula da remoto, il Presidente del Consiglio comunale Luca Milani ha deciso di accorpare le osservazioni a blocchi di 12 per votarle poi così impedendo di fatto le singole controdeduzioni mescolando le mele con le pere e gli alberi coi mattoni.

Nonostante nella conferenza dei capigruppo fosse già emerso un netto rifiuto a questa "ghigliottina", Milani forte del suo ruolo ha tirato dritto per la sua strada e nonostante molti consiglieri si siano lamentati del sistema anche in aula, tant'è che per chi seguiva la diretta da casa pareva di assistere a una chiama simile alla tombola natalizia dato che si davano numeri (osservazioni) da votarsi a blocchi senza entrare nello specifico e senza far capire niente a chi seguiva da casa. Ma a nulla sono valse le ironie e le lamentele a cui Milani ha risposto sottolineando che imporre questa pratica era nei suoi poteri facendo riferimento a una scelta analoga fatta nel 2015 dall'assessora Titta Meucci all'epoca all'assessorato all'urbanistica in quota Pd. Tutto ciò fa legislatura? Cosa dice il regolamento comunale in merito? A cosa sono serviti gli incontri nei quartieri, le ricerche, i lavori, i testi scritti, le parti tecniche, le spedizioni e le protocollature dei 400 plichi depositati negli uffici comunali di chi ha creduto a questo strumento di democrazia?

Rimaniamo con la domanda sospesa a cui speriamo che qualcuno dia una risposta (non a noi, ma ai fiorentini) per raccontare che alla fine, dopo tre giorni di aula fra scaramucce, battibecchi e "tagliole", il Poc è passato con 19 voti favorevoli, ovvero con i voti dei consiglieri del Pd, della Lista Nardella e della consigliera del gruppo misto Michela Monaco. Contrario tutto il centrodestra unito (FdI, Lega e Fi), i consiglieri di gruppo Centro, quelli di Firenze Democratica con i tre ex Pd che sono usciti oggi dalla maggioranza, il M5S e Sinistra Progetto Comune. Hanno optato per il non voto le due consigliere di Italia Viva, mentre il consigliere del gruppo misto Andrea Asciuti si è astenuto.

Per i tanti fiorentini che chiedono e vogliono capire, nelle foto cosa è stato votato.

Lascia un commento
stai rispondendo a