Carlotta Tai: visioni e idee per società e associazioni sportive

Eleonora Cortopassi

Carlotta Tai: visioni e idee per società e associazioni sportive

Carlotta Tai: visioni e idee per società e associazioni sportive
11/01/2019

Carlotta Tai, candidata contro Filippo Carlà Campa alle primarie del PD di Vicchio del 20 gennaio, in questi giorni sta portando avanti il dialogo con le società e associazioni sportive del paese.

” Tutti  – dichiara Tai –ci hanno chiesto maggior dialogo e maggiore presenza e tutte  le società si sono dichiarate disponibili a collaborare, a fare rete tra di loro e  a fare rete con l’Amministrazione per diffondere la cultura dello sport e della socialità tra i ragazzi. Noi ci saremo. A chiunque spetterà l’arduo compito, al momento della composizione della Giunta sarà fondamentale scegliere un assessore che dovrà essere particolarmente sensibile alle istanze delle associazioni sportive, essere presente, concreto e costantemente vicino, pronto e collaborativo”.

Secondo la candidata, il punto di partenza deve essere l’instaurazione di un dialogo tra l’Amministrazione e le società e associazioni sportive: “Abbiamo perso per la strada in questi anni – spiega ancora la candidata del PD – la manifestazione che poteva contribuire a saldare i rapporti tra le varie realtà del paese, il Giugno Sportivo. Io vorrei ripartire da là: da un rilancio e se riusciremo un miglioramento della manifestazione dello Sport a Vicchio, coinvolgendo sempre più associazioni e società. Non sarebbe solo un’opportunità per il movimento sportivo vicchiese, ma per tutto il territorio: si creerebbe lo spunto per nuovi spazi di socialità, potremmo pensare di ampliare la festa e renderla attrattiva e quindi uno spunto per allargare il dialogo alle attività produttive. Lo sport è in grado di annullare distanze generazionali, come tra nonni e nipoti; sa avvicinare mondi lontanissimi: dobbiamo contribuire a che rinizi il dialogo interrotto”.

Uno dei capi saldi del programma della Tai è la cura e la manutenzione degli spazi e delle infrastrutture: “Tutte le nostre società sportive ospitano le nostre ragazze  e i nostri ragazzi. Il Comune deve essere a loro fianco sempre e, quando dipende da noi, farli crescere e allenarsi e socializzare in spazi accoglienti. Questo è indiscutibile, la prerogativa”.

L’idea, comunque, è che lo sport a Vicchio si dovrebbe poter fare ovunque, nelle apposite strutture ma anche all’aria aperta, dato il magnifico territorio circostante: “Ho già parlato – continua Tai – dell’idea di ampliare la rete dei percorsi ciclo-turistici. Abbiamo già la ciclabile, che ha arricchito sicuramente il nostro paese: in tanti, in qualsiasi stagione, ci passeggiano, ci corrono o ci vanno in bicicletta in sicurezza, bambini e adulti insieme. Dobbiamo insistere su questa strada, così come fatto per esempio, senza citarli tutti, per il percorso che porta dal capoluogo alla Casa di Giotto. Le linee guida devono essere quelle che ci hanno portato a queste passeggiate nel nostro magnifico paesaggio. Partendo dal creare e dall’incentivare una cultura del movimento in tutti i nostri cittadini. Il passo successivo sarà quello di appassionare e coinvolgere i turisti sportivi che abbiamo in gran numero ogni anno. Io ragiono di Vicchio, del territorio per come lo conosco e per come so che è amato e conosciuto, e per come sono convinta possa crescere”.

Eleonora Cortopassi


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA