Il primo Scudetto a tinte Viola

6 maggio 1956 – La Fiorentina è Campione d’Italia: 'Tutti facevano il tifo per la Fiorentina'

Sarti-Magnini-Cervato-Chiappella-Rosetta-Segato-Julinho-Gratton-Virgili-Montuori-Prini… Ed il giorno che vi capiterà di imbattervi in qualche vecchio mezzadro toscano, non stupitevi se saprà snocciolarvi, a memoria la formazione

Calcio
visibility135 - giovedì 06 maggio 2021
di Redazione
Più informazioni su
La Fiorentina Campione d'Italia 1956
La Fiorentina Campione d'Italia 1956 © n.c.

GLIEROIDELCALCIO.COM di Riccardo Lorenzetti - Tutti facevano il tifo per la Fiorentina, anche quelli che non erano nati. E quando nascevano, nascevano già della Fiorentina; perché la Fiorentina voleva dire Firenze, e Firenze voleva dire Toscana, e all’epoca eravamo ancora attaccati a certe tradizioni, e guai a toccarci il campanile.

Non tutti, ovviamente. Perché in Toscana siamo gente polemica, e figuriamoci se mancavano quelli che Firenze non la potevano vedere, e allora per dispetto tenevano la Juve.

Che era l’unica squadra in grado di fargli abbassare un po’ la cresta, ed è per questo che da queste parti c’erano (e ci sono ancora) così tanti Juventini. Soprattutto a Siena e ad Arezzo, a Pisa e a Lucca. Perché la Toscana era piena di contadini a mezzadria e di operai, ognuno nel proprio distretto… I “cavatori” a Carrara e i portuali a Livorno, i conciatori nel Pisano, i fornaciai all’ Impruneta e i tessili a Prato.

Gente che si faceva “icculo” dalla mattina alla sera, ed aveva in uggia Firenze: che anche nel ’56 era piena di “bottegai”, di “bighelloni” e di gente che comunque se la tirava un po’ troppo. Una regione in tumultuosa trasformazione, la Toscana del 56: che di lì a pochi anni avrebbe visto collassare tutta l’impalcatura del mondo rurale, architrave della sua società fin dai tempi dei progenitori Etruschi.

E la Viola del 56, campione d’Italia per la prima volta nella storia, è quello che ci vuole per ridare smalto alla gente, che sta cercando un punto di riferimento dopo il ritiro di Gino Bartali, il “grande nord” della Toscana sportiva.

[...] Sarti-Magnini-Cervato-Chiappella-Rosetta-Segato-Julinho-Gratton-Virgili-Montuori-Prini… Ed il giorno che vi capiterà di imbattervi in qualche vecchio mezzadro toscano, non stupitevi se saprà snocciolarvi, a memoria e senza esitazioni, la formazione del ’56.

Perché a quei tempi il calcio era una cosa seria. E tenere la Fiorentina, da queste parti, era un punto d’onore.

Vai all'articolo completo su GliEroidelCalcio.com

Lascia il tuo commento
commenti