Mugelli sfortunato a Monza: travolto da un'altra vettura

Per il pilota mugellano anche la scelta sbagliata delle gomme da parte della scuderia

Auto & Moto
visibility159 - lunedì 21 ottobre 2019
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
L'incidente di Mugelli
L'incidente di Mugelli © OK!Mugello

Alla vigilia dell’ultimo appuntamento di Monza nel TCR Italy, Max Mugelli si è mostrato fiducioso di poter disputare una buona gara e puntare ancora una volta al podio. In effetti il weekend sulla pista che ospita il Gran Premio di Formula Uno è iniziato molto bene: il pilota di Ronta ha concluso infatti le libere in seconda posizione in entrambi i turni, sia su pista asciutta che su pista bagnata.

Bene anche in qualifica sul bagnato, con Max che ha conquistato la terza fila, che in gara 2 (in virtù della griglia invertita) gli sarebbe valso la seconda fila.

La prima delle due gare si è disputata alle 8.30 di domenica mattina, un orario piuttosto insolito, su pista ancora bagnata dalla pioggia caduta la sera del sabato: Max decide di montare 4 gomme rain, ma la scuderia, immaginando che la pista potesse asciugarsi in traiettoria, ha deciso di montare due gomme slick sull’anteriore sulla griglia di partenza, una scelta che a posteriori si è dimostrata assolutamente sbagliata.

La pista infatti è rimasta bagnata ed anzi nel corso della gara è scesa una leggera pioggerellina: Max, che perdeva circa 10 secondi al giro rispetto ai primi che montavano quattro gomme rain, ha deciso di rientrare ai box per montare gomme da pioggia, primo a farlo. La scelta gli avrebbe dato ragione ma alla prima variante appena rientrato in pista viene centrato senza alcuna colpa dalla Audi di Pelatti che, perdendo il controllo della vettura in frenata, lo tampona con violenza mandando Max in testacoda con la macchina pesantemente danneggiata. La safety car entra subito in pista per rimuovere la Alfa Romeo Giulietta di Max Mugelli che non può fare altro che tornare sconsolato ai box. Ma oltre al danno la beffa: il danno sulla sospensione posteriore destra completamente esplosa non può essere riparato in tempo (la partenza di gara 2 era prevista solo un paio di ore dopo) per cui Max non si schiera in griglia in gara 2 ed è costretto a tornare a casa anzitempo.

La sequenza fotografica del tamponamento subito

Max Mugelli

“Sono venuto a Monza per concludere in bellezza il campionato dopo la vittoria netta di Vallelunga e me ne torno a casa avendo avuto la possibilità di disputare solamente tre giri in gara 1. Il rammarico à maggiore perché sia nelle libere che nelle qualifiche ho dimostrato di andare forte sia sull’asciutto che sul bagnato. Il momento cruciale del fine settimana è stato pochi secondi prima del via quando il team ha deciso di montare due gomme slick sull’anteriore e due gomme rain sul posteriore, quando io invece avevo deciso per quattro gomme rain, che avevo cercato di scaldare il più possibile nei due giri fatti prima di schierarmi in griglia! I fatti poi mi hanno dato ragione: chi è partito con 4 gomme rain, come per esempio l’Audi di Guidetti, ha fatto il vuoto dietro di sé, dando più di dieci secondo al giro a chi invece aveva scelto una strategia diversa.A quel punto ho deciso di fare di testa mia e alla conclusione del terzo giro sono rientrato ai box per montare le 2 gomme rain anche sull’anteriore: una scelta che poi è stata imitata da tutti nei giri successivi e che si sarebbe rivelata la scelta vincente. Purtroppo al mio rientro in pista dopo poche decine di metri, mentre stavo percorrendo la prima variante, sono stato travolto dalla Audi di Pelatti che alla prima variante è arrivato lunghissimo come un missile a ruote bloccate e mi ha cebtrato in pieno sulla ruota posteriore destra che si è staccata addirittura dal gruppo sospensivo!L’ennesimo tamponamento subito senza alcuna colpa non solo mi ha messo KO in gara 1 ma anche mi ha impedito di disputare gara 2 vista l’entità del danno e il poco tempo a disposizione tra gara 1 e gara 2 per ripararlo. Sono davvero amareggiato e furioso: ho fatto tutto il possibile per essere qui a Monza e tornare a casa avendo potuto disputare solo tre giri mi lascia un grande amaro in bocca, soprattutto perché eravamo competitivi. Archiviamo questa stagione 2019, molto intensa e che ha dato la possibilità di comprendere il potenziale del binomio Mugelli-Alfa, con la speranza di rivederlo pure nel 2020!C’è però una bella notizia: questo fine settimana ho avuto la certezza di potere disputare la gara conclusiva del Campionato Europeo Ultimate Cup Series alla guida della Renault RS01 della scuderia DEMJ di Lione al Paul Ricard nel weekend del 1-3 novembre. Sono certo che in quella occasione inseguirò la vittoria sfuggita a Monza.”
Lascia il tuo commento
commenti