Bimbo ucciso a Sant’Agata. La mamma ricorre alla Corte Europea

Saverio Zeni

Bimbo ucciso a Sant’Agata. La mamma ricorre alla Corte Europea

Bimbo ucciso a Sant’Agata. La mamma ricorre alla Corte Europea
13/03/2019

Ci sono novità riguardo alla tragedia consumata a Sant’Agata il 14 settembre del 2018, dove il padre Niccolò Patriarchi, durante una lite familiare ha ucciso il proprio figlio di appena 1 anno a coltellate. La madre accusa lo Stato italiano di non aver adottato le misure idonee di protezione.

La mamma del bambino, difesa dall’avvocato Massimiliano Annetta, ha presentato un ricorso alla Corte Europea dei diritti dell’uomo contro lo Stato italiano, contestandogli di non aver messo in atto le misure necessarie a proteggere lei stessa e i figli dalle violenze del convivente, più volte segnalate alle forze dell’ordine. «Esiste un precedente con una condanna da parte della Corte nei confronti dell’Italia», ha spiegato il legale a La Nazione. Il ricorso è legato al fatto che prima dell’omicidio del bambino la donna aveva presentato diverse denunce nei confronti del convivente. L’uomo era stato descritto come socialmente pericoloso in una perizia che era stata disposta dal gip di Firenze nell’ambito di una precedente inchiesta per maltrattamenti, sempre nei riguardi della donna.

Saverio Zeni


Responsabile del quotidiano online OK!Mugello.it, attualmente Project Manager presso Sindimedia Srl. Esperto in comunicazione digitale e delle tematiche relative alla Green Economy, sviluppo sostenibile. Solution manager e consulente per aziende. Ideatore e creativo per progetti di comunicazione online.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA