Una rivista tradizionale – controrivoluzione

Aldo Giovannini

Una rivista tradizionale – controrivoluzione

Una rivista tradizionale – controrivoluzione
04/04/2016
foto 2 rivista

Il Prof. Pucci Cipriani a destra con i Prof. Roberto De Mattei e Massimo De Leonardis.

Giovedì prossimo 7 aprile 2016, alle ore 17, a Firenze , presso l’Auditorium del Consiglio Regionale della Toscana – Via Cavour, 4 – verrà presentata, per iniziatica del Capo Gruppo alla Regione Toscana di FdI Giovanni Donzelli e della Comunione Tradizionale, la rivista “Controrivoluzione” N. 124 nuova serie, gennaio – aprile, diretta da Pucci Cipriani( docente, scrittore,giornalista, nativo ed abitante a Borgo San Lorenzo ) ed edita da Marco Solfanelli del Gruppo Editoriale “tabula Fati”. I

nterverranno Il Capogruppo alla Regione Toscana di FdI Giovanni Donzelli, Cosimo Zecchi della Comunione Tradizionale, il Direttore Pucci Cipriani, il filosofo e Saggista Giovanni Tortelli e lo storico Massimo Viglione, Docente Univeritario.

All’Editore Marco Solfanelli abbiamo rivolto alcune domande;

  • D) Perché la sua Casa Editrice ha deciso di pubblicare la nuova serie di “Controrivoluzione” il periodico de tradizionalisti cattolici italiani?

  • R) Perché questa rivista fondata e diretta da un vostro concittadino, Pucci Cipriani, nel 1989, appunto come Organo Ufficiale dell’ANTI 89 , tesa “a rivendicare – secondo la formula di De Bonald – “i Diritti di Dio rispetto ai diritti dell’uomo e a tener viva la memoria storica di quei movimenti cattolici che hanno impedito alla Rivoluzione di impadronirsi dell’Italia”, è una “eccellenza” per la nostra casa editrice, una testata di grande prestigio che il Presidente dell’ANTI 89 Pucci Cipriani ha portato avanti , praticamente da solo, per oltre venti anni…costretto poi, per cinque anni, a “gettare” la spugna…volentieri dunque abbiamo accettato di stampare questo giornale con periodicità quadrimestrale che si può ricevere per abbonamento (controrivoluzione.it) e di affidarne la Direzione a Pucci Cipriani, una delle principali personalità della Tradizione in Italia.

  • D) Mi dicono che altri nomi prestigiosi hanno accettato di far parte del Comitato scientifico della Rivista. Chi sono?

  • R) Anche questi nomi di grande prestigio : il Conte Neri Capponi, dell’Università di Firenze, Giudice del Tribunale Ecclesiastico;  Francesco Dal Pozzo, d’Annone, Ordinario della Filosofia del Diritto, dell’Università di Perugia, l’ex V. Presidente del CNR Prof Roberto de Mattei, Docente Universitario e Presidente della Fondazione “Lepanto”, il Prof. Massimo de Leonardis, Ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali e Direttore del Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università Cattolica di Milano; il Prof. Piero Vassallo Docente emerito di teologia Morale nella Facoltà teologica dell’Italia Nord…Accanto a questo Comitato Scientifico Pucci Cipriani ha voluto nominare anche un comitato di Redazione composto da Giulia Penelope Bianco, Gianandrea de Antonellis, Paolo Deotto, Stefano Gizzi, Guido Scatizzi, Manlio Tonfoni, Massimo Viglione e Gabriele Bagni (Segretario di Redazione)…

  • D) Può darci un’anticipazione sul contenuto di questo nuovo numero?

  • R) Guardi, è un numero particolarmente denso e contiene, oltre, naturalmente, all’editoriale del Direttore Cipriani, due “pezzi” del massimo storico delle Insorgenze italiane, Docente Universitario Massimo Viglione 🙁 “Il Papa Re” e “il 1848, anno delle rivoluzioni e della Rivoluzione”), quindi due saggi brevi di due giovani storici italiani, Domenico Rosa (“Josè Borjes : Martire controrivoluzionario”) e Stefano Colombo, uno dei discepoli del Prof. de Leonardis (“La Massoneria in Toscana: dove tutto ebbe inizio”) quindi lo storico Domenico Del Nero, uno storico ormai ben affermato, con molti addentellati anche nel vostro Mugello, ci delizia, è il caso di dirlo, con un affascinante saggio su “Leopoldo II : tra storiografia e documenti autografi”, poi Gianandrea de Antonellis, autore tra l’altro del fortunato romanzo “Non mi arrendo!” che ripercorre le tappe della gloriosa Resistenza del Popolo del Sud all’invasore piemontese, scrive su “Chiesa e scienza in Europa nel secolo XVIII”; quello che rappresenta una vera e propria “bomba atomica” è saggio di Roberto Dal Bosco sul caso – e questa è proprio una drammatica vicenda che si è svolta e tuttavia si svolge nel vostro Mugello – “Forteto : oltre l’abisso”…in cui l’autore, noto per il suo libro “Incubo a cinque Stelle” (Fede e Cultura) traccia la storia del “fondatore Rodolfo Fiesoli, detto “il profeta”, e Luigi Goffredi, l’ideologo….le loro idee  poggiate sulle filosofie di don Milani…” E l’explicit di una vicenda con caratteristiche addirittura di “puro satanismo”…insomma un saggio da leggere davvero. Infine una rubrica libraria con due schede curate dal giovanissimo Guido Scatizzi ( una recensione al libro del Card. Robert Sarah “Dio o niente” -Cantagalli – e una recensione al libro del Card. Ennio Antonelli : “Crisi del matrimonio ed Eucarestia” – Ares -) Infine una recensione al libro del Direttore Pucci Cipriani : “La Memoria Negata” edito proprio dalla mia Casa Editrice – curata da Enrico Maria Romano….

  • D) Progetti per il futuro?

  • R) Tutto nelle mani del Direttore Pucci Cipriani che da consumato giornalista e da uomo di cultura saprà certamente tenere la barra diritta…in questo clima di tempesta per la società e, soprattutto, per la Chiesa.

Il nostro Sito, libero di esprimersi in tutte le sue forme e sfaccettature culturali, politiche, ideologiche e letterarie, ha sempre pubblicato, fin dall’inizio delle pubblicazioni, libri, recensioni, tesi, interviste, libri di ogni ordine e grado e quindi accogliamo molto volentieri questa intervista di un mondo particolare ma ancora sentito e partecipato come non mai. E poi a Pucci Cipriani, amici fin dall’elementari, di una antica ed onesta famiglia di artigiani, non diciamo di no: tutt’altro.

Foto 1

La locandina della presentazione delle rivista alla Regione Toscana

Aldo Giovannini


Redattore OK!Mugello.

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA