Il Festival di Cannes raccontato giorno per giorno. Chi vincerà la Palma d'Oro?

Elisa Giudici presente al festival di Cannes ci racconta film, backstage e making, in attesa del verdetto finale

La Redazione L'INKiesta
visibility41 - OkMugello - sabato 17 luglio 2021

Un Certain reGardy ◇ Diario dal Festival di Cannes #10

Arrivano gli anime con Belle di Mamoru Osoda e un sono flop con France di Bruno Dumont, insieme a Casablanca Beats. Plus: qual è il ciclo di vita di un film a Cannes?
Tutti i video
Elisa Giudici a Cannes
Elisa Giudici a Cannes © Elisa Giudici

Una ventata di Mugello al festival di Cannes quest’anno lo portato per noi Elisa Giudici collaboratrice di diverse testate specializzate in cinema e libri è infatti sulla Croisette per raccontare le pellicole, il concorso ma anche quello che tg e giornali di solito non mostrano dell’evento.

A 24 ore circa dalla chiusura del Festival cinematografico più importante al mondo ed è tempo di bilanci in Croisette, per un'edizione forte per offerta cinematografica ma ricca anche di luci e ombre dal punto di vista organizzativo.

Nella memoria di chi è stato in Croisette questa sarà sempre l'edizione della pandemia: mascherine in sala, test salivari a cui sottoporsi ogni 48 ore, voci di cluster e contagi incontrollate a fronte di un'organizzazione che non ha voluto sacrificare la ricchezza dell'offerta e i numeri degli accreditati in sala, portando (con qualche protesta) spettatori seduti gomito a gomito dopo due anni di pandemia.

Per i colori nazionali sarà un'edizione da ricordare, anche per motivi extra cinematografici. Se Nanni Moretti ha deluso in concorso con Tre Piani (Le Monde nella sua recensione gli ha dato del boomer), i film nostrani nelle sezioni collaterali fanno ben sperare per il futuro del nostro cinema, a partire dal lodatissimo A Chiara, vincitore della sezione La Quinzaine des Réalisateurs, nella speranza di ritrovarlo la prossima volta in concorso. Anche in Croisette è stata forte l'emozione per la finale di Euro 2020: giornalisti e turisti italiani hanno tifato durante la finale da ristoranti e bar con megaschermi accesi sulla partita, festeggiando con caroselli notturni la vittoria italiana.

Che cinema ha raccontato Cannes 2021? In attesa di vedere chi vincerà l'ambita Palma d'Oro, è già evidente come il cinema autoriale sia uscito dalla pandemia con la voglia di osare e mettersi in gioco, in un'edizione caratterizzata da una sensualità disinibita e senza veli (sia per i corpi maschili sia per quelli femminili), unita a tanta voglia di sfidare simboli e vincoli religiosi e sociali. Grande attenzione anche all'ambiente e alle tematiche animaliste.

Elisa Giudici

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti