Quali danni può arrecare un piercing alla lingua o alle labbra?

Giulia ci chiede: vorrei farmi fare un piercing alla lingua. Può essere pericoloso?

Dott. Emilio Corvino Chiedilo al dentista
visibility356 - OkMugello - giovedì 15 luglio 2021
piercing
piercing © Charisse Kenion

Cara Giulia, i piercing alla lingua o alle labbra sono ormai una pratica molto diffusa, ma esistono comunque rischi e complicanze che bisognerebbe conoscere quando si decide di sottoporsi a queste procedure. Quali sono le complicanze più frequenti? Per quanto riguarda il piercing alla lingua, possiamo distinguere tra le complicanze immediate o acute, quelle che si manifestano cioè entro poche ore o giorni dall’applicazione del piercing, e quelle tardive o croniche, che si presentano anche dopo anni. Tra le complicanze acute le più frequenti sono gonfiore, dolore, difficoltà nel parlare, masticare e deglutire. In alcuni casi possono manifestarsi infezioni anche gravi ed emorragie, mentre le complicanze tardive più frequenti troviamo fratture di denti o restauri dentali, cicatrici e recessioni delle gengive.

I piercing alle labbra invece sono responsabili di un numero minore, ma comunque significativo, di complicanze che si manifestano soprattutto a carico delle gengive e che possono richiedere interventi chirurgici correttivi. Uno studio scientifico del 2016 ha evidenziato come il 26% di chi ha un piercing alle labbra presenta scheggiature o fratture ai denti, mentre nel caso del piercing alla lingua la percentuale sale al 37%.

Per approfondire è possibile leggere qui.

Per le tue domande al Dr. Corvino, invia una mail a studiocorvino@gmail.com

NB: le informazioni presenti in questa pagina non rappresentano in alcun modo un consulto medico. In nessun caso queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l'assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.

Lascia il tuo commento
commenti