Vaccino Astrazeneca al personale scolastico. Tutti i dubbi, e la riflessione, di un lettore

Una lettera volutamente provocatoria. Per riflettere sul ruolo e la condizione del personale della scuola

Redazione Pensieri, parole e riflessioni ai tempi del Covid-19
visibility1066 - OkMugello - domenica 07 febbraio 2021
scuola
scuola © N.c.

Una nuova lettera in redazione:

Con il tono roboante del nostro per fortuna ormai ex governo, in questi giorni si annuncia che il personale della scuola sarà addirittura interessato dalla campagna vaccinale. Ho letto quattro o cinque volte la notizia perché stentavo a crederci. 

E' la categoria a cui non è stato mai fatto uno screening, ributtata a forza a lavorare in ambienti scolastici affollati come sempre e senza nessun sistema di ricambio dell'aria (il preside della scuola di Vó Euganeo, reo di aver installato autonomamente un impianto di ventilazione oltre che di lesa maestà nei confronti della ministra, era stato minacciato di provvedimenti disciplinari). La cetegoiria di cui ci si ricorda rabbiosamente solo quando assegna agli alunni valutazioni che le famiglie ritengono non abbastanza lusinghiere. Oppure quando viene meno al suo ruolo di grande e gratuito parcheggio di figli per madri lavoratrici o meno. 

Ebbene; questa categoria di scansafatiche laureati da 1500 euro al mese, che hanno i famosi tre mesi di vacanze all'anno, ora viene addirittura vaccinata? Ci deve essere per forza la fregatura. E infatti c'è, ed è nel vaccino Astra Zeneca che le verrà riservato. Anzi le fregature sono due. 

La prima è che l'Astra Zeneca ha una bassissima percentuale di immunizzazione rispetto ai più efficienti Pfizer e Moderna. La seconda è che la vaccinazione è riservata agli under 55 anni, ma ci si dimentica che il corpo insegnante italiano è tra i più anziani d'Europa e quindi tantissimi ne resteranno esclusi. 

La sensazione, scusate la brutalità, è che si rifili questo vaccino agli insegnanti che, abituati a non avere nulla, faranno festa grande. 
Daniele Baldoni 

Lascia il tuo commento
commenti